Le news non firmate arrivano direttamente dai siti ufficiali delle rispettive società. Grazie.

 

 

 

 

                                                             JUVE STABIA - BISCEGLIE 0-2

 

JUVE STABIA (4-4-2): Branduani 5.5; Nava 5 ( 26’ st Dentice 5) Marzorati 5 Bachini 5 Crialese 5; Melara 5.5 ( 26’ st Berardi 5) Viola 5.5 Mastalli 5 (34’ st Sorrentino sv) Canotto 5 (7’ st Strefezza 5); Paponi 5 Simeri 5 (34’ st Vicente sv). A disp.: Bacci, Allievi, Redolfi, Matute, Franchini, Calo`, D’Auria. All.: Caserta-Ferrara 5.

BISCEGLIE (3-5-2): Crispino 6; Delvino 6 Markic 6 Jurkic 6; Azzi 6.5 (17’ st Petta 6) Risolo 6  (37’ st  D’Ancora sv) Toskic 6.5 Montinaro 6 Giron 6; Ayina 6 ( 37’ st Prezioso sv) D’Ursi 7 (29’ st Jovanovic 7). A disp.: Vassallo, A.Alberga, Diallo, Migliavacca, Vrdoljak. All.: G. Alberga 7.

ARBITRO: Zufferli di Udine 6.

Guardalinee: Massara e Terenzio.

MARCATORI: 10’ pt D’Ursi, 50’ st Jovanovic.

AMMONITO: Crispino (B).

Note: spettatori 581 (abbonati 416), incasso totale di 4.481 euro. Angoli 9-5 per la J.Stabia. Recupero, pt 0’, st 5’. A fine gara espulso il portiere Branduani  (JS) per proteste.

 

CASTELLAMMARE DI STABIA - La Juve Stabia non concede il bis dopo il colpo esterno a Fondi e capitola in casa contro il Bisceglie per 2-0. Per i pugliesi invece è “Campania Felix” visto che hanno conquistato le loro tre vittorie in trasferta tutte contro avversarie campane ( Paganese,  Caserta e J.Stabia). I gialloblù di casa hanno sbagliato l’approccio alla gara lasciandosi irretire dalla tela del Bisceglie che a centrocampo ha avuto la meglio. Nel 2018 la Juve Stabia ancora non vince in casa. Per il Bisceglie si tratta del ritorno al successo dopo tre sconfitte di fila.

Il Bisceglie , che si dispone con il 3-5-2,  passa al 10’ del primo tempo con D’ Ursi su assist di Ayina da sinistra, sfruttando una ripartenza dopo una palla persa dai locali a centrocampo.

La J.Stabia , impostata con il 4-4-2, cerca di reagire e al 23’ ha una buona occasione gol con Canotto servito su cross da destra di Melara. L’attaccante spreca malamente in area avversaria. Il Bisceglie non demorde e al 31’ Azzi in area stabiese ha una doppia occasione ma Branduani sbroglia la matassa parando il doppio tiro dell’avversario.  Nel finale di primo tempo la J.Stabia sfiora il pareggio con Paponi al 41’ e al 43’ ma la punta sbaglia in entrambe le occasioni mon centrando il bersaglio  di testa.

Nella ripresa la J.Stabia prova ad imbastire una reazione ma senza convinzione. Sporadiche sono le occasioni gol create dalla Juve Stabia che colleziona solo corner. Il Bisceglie si chiude a riccio negli ultimi minuti senza però mai soffrire.

Nel recupero del secondo tempo la Juve Stabia , protesa in attacco anche con il portiere Branduani, subisce il secondo gol in contropiede con Jovanovic.

In sala stampa, questa l'analisi di Fabio Caserta , tecnico della J.Stabia: “Oggi abbiamo giocato senza ardore e senza anima. Sconfitta meritata. Il Bisceglie si è rivelato una bestia nera per noi visto che anche all’andata abbiamo perso dopo una brutta prestazione. Ora dobbiamo ripartire e pensare subito alla trasferta di Lecce. Per quanto riguarda Canotto e la sua sostituzione, ho ritenuto il suo cambio come una scelta tecnica in quel momento della partita. Se c'è stata una sua reazione al momento dell'uscita , dovrà scusarsi con i suoi compagni”.

Giuseppe Alberga, tecnico del Bisceglie, alla prima vittoria in panchina dopo aver sostituito Zavettieri la scorsa settimana : “Bel colpo da parte nostra. Abbiamo mostrato convinzione nei nostri mezzi. La sconfitta interna con il Lecce della scorsa settimana non ci abbattuti moralmente visto che la prestazione era stata comunque positiva nonostante il risultato non favorevole. Nel primo tempo abbiamo costruito buone occasioni concedendo poco alla Juve Stabia. Avremmo anche potuto raddoppiare. Nella ripresa ho dovuto fare dei cambi ed immettere forze fresche per dare maggiore solidità al reparto difensivo e mettere al sicuro il risultato”.

 

Domenico Ferraro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                     Lucchese-Cuneo 0-0

Lucchese: Albertoni, Cecchini (18' st Nolé), Arrigoni, Capuano, Mingazzini 81' st Shekiladze), Fanucchi, Espeche, Bortolussi (18' st Del Sante), Bertoncini, Russu, Buratto. A disp. Di Masi, Dell'Amico, Del Sante, Palumbo, Baroni, Razzanelli, Nolé, Russo, Damiani, Parker. All. Lopez.

Cuneo: Stancampiano, Sarzi Rosso, Bruschi (13' st Schiavi), Zamparo (34' st Galuppini), Gerbaudo, Boni, Di Filippo, Dell'Agnello, Zigrossi, Zappella. A disp. Moschin, Baschirotto, Cristini, Genovese, Secondo, Pellini D'Agostino, Testoni, Maresca, Testa. All. Lombardo.

Arbitro: Provesi di Treviglio

Note. Ammoniti: Arrigoni, Bruschi, Del Sante, Di Filippo. Spettatori 1972. Angoli 3-6.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                              Pistoiese –Olbia

 

 

Pistoiese e Olbia affrontano oggi una partita importante per la classifica e molto insidiosa per entrambe. Numerose defezioni su entrambi i fronti. Ci si attende una gara combattuta. Tegola in casa arancione, Vrioni, l’attaccante più in forma va in panchina per non essere nelle migliori condizioni fisiche. Defezione pesantissima, che si aggiunge a quella del capocannoniere della Pistoiese: Franco Ferrari, che è squalificato. Vrioni e Ferrari, diciasette reti in due, entrambi out, anche se Vrioni va in panchina e potrebbe entrare a partita in corso. Altre pesanti assenze nelle fila dei padroni casa sono: Mulas, Regoli e Papini. In tutto cinque defezioni, oltre quella degli infortunati di lungo corso. Quattro indispobili anche nell’Olbia, tra cui spicca quella del centravanti Ogunseye. Una gara che si annuncia particolarmente difficile e servirà una Pistoiese determinata e “cattiva”, per venirne a capo, dato che gli avversari, secondo le dichiarazioni della vigilia, affronteranno il match con grandissima determinazione. Veniamo agli schieramenti. La Pistoiese gioca con: Zaccagno, Surraco, Priola, Picchi, De Cenco, Regoli, Quaranta, Luperini, Hamlili, Minardi, Nardini. A disposizione: Biagini, Terigi, Tartaglione, Vrioni, Zappa, Zullo, Sanna, Dosio, Nossa, Cerretelli, Kley, Petroni. Olbia: Aresti, Pinni, Iotti, Murgia, Ragatzu, Pennington, Senesi, Biancu, Feola, Cotali, Leverbe. A disposizioni: Idrissi, Van Der Want, Manca, Geroni, Dametto, Pisano, De Cunha, Vispo, Silenzi, Choe Song, Delvecchio.
Partiti.
3′ Da una punizione dalla trequarti di Hamlili spizza in area De Cenco e si crea un mischia in area senza esito.
6′ Bella iniziativa di Nardini sull’out destro, cross per De Cenco che centro area calcia al volo di sinistro e sfiora il palo.
Ammonito Feola. 8′
13′ Bellissimo schema su punizione, tra Hamlili e Surraco, sbroglia di pugno il portiere Aresti, ex arancione.
Pistoiese sciolta.
15′ Surraco conquista una palla sulla trequarti si invola in area, ma è contratto.
Olbia che ricorre ad astuzie tattiche per rompere il ritmo.
21′ Ragatzu entra in area ed è fermato da Zaccagno.
23′ Gooooooooolllll! Arancione: Segna Caio De Cenco, di sinistro su assisyt al bacio di Surraco.
30′ Ammonito Picchi.
32′ Ragazzo in area non accancia.
35′ Biancu prova dalla grande distanza e fa correre un brivido a Zaccagno. Palla alta.
37′ Ragatzu al volo in contropiede impegna Zaccagno in angolo.
37′ Sull’angolo Cotali calcia fuori.
39′ Pistoiese vicinissima al raddoppio. Su spizzata di De Cenco, Luperini sfiora l’ìncrocio.
42′ Con Hamlili a terra Ragatzu non si ferma e calcia in porta. Para Zaccagno.
4′ di recupero.
Alla fine del Primo Tempo: Pistoiese – Olbia 1-0. La Pistoiese merita in pieno il vantaggio. L’Olbia si fa valere nella fase offensiva, anche se la difesa arancione ha fatto buona guardia, richiando poco.
SECONDO TEMPO
Non c’è Quaranta, per infortunio gioca Nossa.
50′ Pennington, su cross di Ragatzu: 1-1.
53′ De Cenco calcia con violenza. Fuori di poco.
55′ Pistoiese vicina al vantaggio. Batti e ribatti sulla linea di porta prima che la palla sia abbrancata da Aresti.
60′ Esce De Cenco entra Vrioni.
62′ Grande parata di Zaccagno su Pennington.
63′ Goal annullato alla Pistoiese a Nossa per fallo sul portiere.
64′ Bellissimo contropiede di Surraco che serve in profondità Vrioni. L’Olbia si salva in angolo.
72′ esce Picchi entra Zappa.
74′ Errore in disimpegno della difesa arancione, contropiede da manuale e rete di Silenzi. Pistoiese sotto. 1-2.
Ammonito Silenzi.
78′ Tiro di Zappa para Aresti in due tempi.
80′ falo di Hamlili su Pennimgton. Rigore. Calcia Ragatzu, para Zaccagno.
83′ entra Cerretelli esce Minardi.
4′ di recopero.
Finisce con una amara sconfitta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                      Giana –Siena

 

Allo stadio comunale “Città di Gorgonzola” si fronteggiano Giana Erminio e Robur Siena, valevole per la settima giornata di ritorno del canpionato di Serie C girone A. Prima partita senza Alex Pinardi, non sono a disposizione di mister Albé gli infortunati Pinto e Rocchi e lo squalificato Concina. Recuperano pienamente invece Iovine e Foglio, assenti nell’ultima amichevole contro il Legia II Varsavia. A centrocampo conferma per Greselin,affiancato da Marotta, Iovine e Chiarello. Tra le fila della Robur, schierato Dario D’Ambrosio, gemello del difensore dell’Inter Danilo.

Al 14’ Santini sbuca dalla destra, Sanchez devia in angolo. Dagli sviluppi di quest’azione Marotta sigilla il vantaggio per la squadra ospite. Al 25’ Sbraga rimedia a un pasticcio dei bianconeri. Al 28’ traversa beccata in pieno da Perna. Al 30’ bella azione di Chiarello, ma conclude sul fondo. Al 38’ palo esterno di Marotta.

Al 63’ buona opportunità per Perico, conclude poco sopra la traversa. Al 67’ primo cambio per la Giana. Esce Greselin, entra Okyere. Doppia sostituzione all’87’ per la Robur. Esce Bulevardi, entra Damian; mentre Cristiani sostituisce Vassallo. La Giana non riesce a trovare il guizzo vincente nei minuti finali, e subisce la prima sconfitta in campionato del 2018

Giana Erminio (4-4-2): Sanchez; Perico, Bonalumi, Montesano, Foglio; Iovine, Marotta M., Greselin (dal 67’ Okyere), Chiarello; Bruno, Perna. All. Albè.

Robur Siena (4-3-1-2): Pane; Rondanini, Sbraga, D’Ambrosio, Iapichino; Bulevardi (dall’87’ Damian), Gerli, Vassallo (dall’87’ Cristiani); Guberti; Marotta A., Santini. All. Mignani.

Arbitro: Robilotta di Sala Consilina (Salerno). Assistenti: Giuliano Parrella di Battipaglia e Giuseppe Mansi di Nocera Inferiore

Marcatori: 15’ Marotta A. (S)

Note: campo in buone condizioni, giornata nuvolosa con 8°.  Spettatori: 829. Incasso:  3726,00. Ammoniti: 77’ Bulevardi (S). Angoli: 7-4. Recupero: 1’+ 5’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                Pro Piacenza –Viterbese

 

VITERBO - Dopo undici partite di campionato si ferma a Piacenza la striscia positiva di Stefano Sottili. Il tecnico gialloblù, stavolta, non è riuscito ad imprimere la svolta del match ed è stato punito al di là dei suoi effettivi demeriti. Partita bloccata, decisa da una giocata e da un episodio. La giocata arriva al 38' di un primo tempo brutto che più brutto non si può, l'episodio ad inizio ripresa e condiziona, inevitabilmente, tutto lo sviluppo del secondo tempo. In dieci, con due gol da recuperare, con una squadra che ha messo undici persone dietro la linea della palla, non era facile fare due gol. La Viterbese, in inferiorità numerica, ha fatto quel che ha potuto ma si è scontrata con un autentico muro eretto da Pea. Invano Sottili ha cambiato le carte in tavola, prima ha immesso Sanè per turare la falla a sinistra, poi Di Paolantonio e Bismark per rinforzare l'attacco. A cose fatte ha sostituito Calderini con Bizzotto. Non c'è stato nulla da fare. Il Pro Piacenza ha sapientemente chiuso ogni varco meritando, alla fine, il 3-1.

Si comincia con Musetti al fianco di Abate da una parte, Atanasov per lo squalificato Rinaldi dall'altra. Primo tempo che scorre via senza sussulti particolari, Calderini prova un paio di volte ad andare via sulla sinistra ma Paramatti sembra tarantolato. La prima occasione annotata sul taccuino è del 26' quando Vandeputte crossa per il colpo di testa di Baldassin, palla altissima e primi fischi dal Garilli. Poco dopo la mezz'ora primo tiro di Musetti, al volo, verso Iannarilli, la palla, deviata da un difensore, finisce in angolo: è il primo della partita. Al 38' arriva, a sorpresa, il gol rossonero. Cavagna verticalizza per Musetti che entra in area, supera Iannarilli con un pallonetto e gonfia la rete: 1-0.

Si ricomincia con gli stessi ventidue dell'inizio. Il tempo di un caffè ed al 4' De Vito affossa Barba in area di rigore guadagnandosi il cartellino rosso e regalando al Pro Piacenza un rigore. Dagli undici metri Alessandro realizza con un cucchiaio rendendo difficilissima la rimonta gialloblù. La Viterbese reagisce. Al 7' cross in area per De Sousa che, di testa, prova a sorprendere Gori bravissimo a rispondere da par suo all'attaccante ospite. Barba è scatenato ed al 15' prova il tiro da fuori, palla deviata in angolo da un difensore gialloblù. Abate prima si vede annullato un gol per fuorigioco (18') poi salva sulla linea un colpo di testa di Di Paolantonio destinato in rete (24').

Un gol annullato ad Abate prima dell'ultimo quarto d'ora in cui la Viterbese tenta il tutto per tutto. Ma al 39' arriva anche il tris piacentino quando La Vigna sfrutta alla grande un contropiede di Musetti e mette in rete chiudendo ogni discorso sull'esito del match. Di Atanasov, al 43', il gol della bandiera, buono solo per le statistiche, ma la partita era già in cassaforte, per il Pro Piacenza, da un po' di tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                             Akragas -Catanzaro

 

Buona prestazione delle Aquile in Sicilia, contro l'Akragas l'ultima in classifica che oggi giocava per poter rimanere attaccata al treno salvezza via playout. Partita dall'esito non scontato per via del brutto periodo  che stavano attraversando i GialloRossi e per la campagna di rafforzamento operata dai padroni di casa durante il mercato invernale. 

Dionigi ha operato una picocla rivoluzione rinunciando a Maita per il rientrante Van Ransbeeck e schierando Spighi e Marin a centrocampo per Onescu e l'infortunato Falcone, in difesa e' rientrato Gambaretti dal primo minuto in luogo di De Giorgi che e' andato ad occupare la fascia destra in luogo di Zanini. 

Le Aquile hanno dominato nel primo tempo producendo gioco ed azioni. Il gol meritato giunge ad opera di Spighi al 15' in seguito ad uno scambio tra Infantino e Letizia. Molte le occasioni sfumate di un soffio infatti il risultato del primo tempo e' bugiardo rispetto a quanto visto in campo. Sul finale di tempo c'e' purtroppo l'episodio che condizionera' la gara, De Giorgi reagisce alla provocazione di un avversario e viene espulso, il Catanzaro giochera' il secondo tempo in dieci.

La ripresa inizia con le Aquile che si assestano in campo e continuano a ben figurare, ma al 54' Mileto di testa su calcio d'angolo sigla il pari. Adesso per i giallorossi si fa dura. Dionigi prova a dare una scossa alla squadra, entrano Onescu e Zanini per Van Ransbeeck e Spighi. La squadra e' equilibrata, ci prova, ma non trova varchi. Entra anche Corado per Infantino. Si va avanti con occasioni da una parte e dall'altra ma le Aquile in inferiorita' numerica non da l'impressione di farcela finche' al 79' Corado parte in azione personale e batte Vono dal limite scagliando un tiro di precisione chirurgica nell'angolino.

Entrano Maita e Badjie, per Letizia e Marin, dopo che anche Dionigi viene espulso per un battibecco con un calciatore avversario, ma fino al termine non accade piu' nulla se non l'occasione del 1-3 divorata da Zanini dopo una percussione di Maita e l'espulsione allultimo minuto di Pisani.

Con questa vittoria il Catanzaro sale a quota 31 punti, uno meno del Francavilla impegnato con la Casertana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                            Trapani -Paganese

 

TRAPANI: Furlan, Rizzo, Pagliarulo, Drudi, Scarsella (34’st Steffè), Bastoni (41’st Canino), Evacuo (24’st Minelli), Polidori (34’st Campagnacci), Visconti, Marras, Corapi (41’st Girasole). A disposizione: Pacini, Compagno, Fazio, Tornetta. All. Alessandro Calori

PAGANESE: Galli, Della Corte, Bensaja, Ngamba, Scarpa, Meroni, Cernigoi (38’st Maiorano), Piana, Acampora (26’st Pavan), Tascone (26’st Boggian), Cuppone. A disposizione: Marone, Tazza, Nacci, Bernardini, Dinielli. All. Massimiliano Favo

ARBITRO: Marco D’Ascanio di Ancona; ASSISTENTI: Felice Sante Marinenza dell’Aquila e Thomas Ruggieri di Pescara

RETI: Cuppone 13’, Scarsella 35’, Evacuo 37’, Marras 15’st, Campagnacci 39’st

NOTE: Ammonito Drudi nel Trapani; Recuperi 0’pt-3’st; Corner: 4-1; Spettatori: 3.216

 

LA CRONACA
Primo Tempo:

1′-Inizia la gara: calcio d’inizio affidato ai granata!

5′-Trapani vicinissimo al gol: Evacuo, da dentro l’area, prova il destro ma Galli respinge e poi riesce a far sua la sfera anticipando Rizzo

7′-Marras sfugge via alla difesa ospite e riesce a superare Galli con un pallonetto, ma il gioco era fermo per un fuorigioco segnalato al numero 26 granata

8′-Ci prova la Paganese: destro di Cuppone e deviazione provvidenziale di Furlan in corner

11′-Salvataggio miracoloso di Furlan sul sinistro ravvicinato di Cernigoi: poi sulla respinta del portiere granata Bensaja non inquadra lo specchio della porta

13′-Vantaggio della Paganese: gol di Cuppone

21′-Ci prova Polidori dalla distanza: sinistro ampiamente a lato

22′-Trapani vicinissimo al pari: cross di Marras dalla destra e tap-in sotto misura di Evacuo. Galli neutralizza la sfera

26′-Azione personale di Marras che poi va a concludere verso la porta avversaria: tiro centrale, facile da parare per Galli

30′-Cross di Rizzo dalla sinistra: tocco di Polidori di poco a lato. Ma il gioco era fermo per un fuorigioco del numero 10 granata

35′-GOOOLLLL DEL TRAPANIIII!!! Tocco sotto misura di SCARSELLA!!!

37′-GOOOLLLL DEL TRAPANIIII!!! Colpo di testa vincente, sugli sviluppi di un corner, di FELICE EVACUOOOO!!!

38′-In due minuti il Trapani ribalta il risultato: prima con il secondo gol in campionato di Scarsella, sugli sviluppi di un calcio piazzato e poi con la sesta rete stagionale di Felice Evacuo che di testa, su corner, ha trafitto imparabilmente Galli

44′-Punizione per il Trapani dalla trequarti: colpo di testa di Scarsella che finisce di poco a lato

45′-Finisce il primo tempo: Trapani 2 Paganese 1

 

Secondo tempo:

1′-Comincia il secondo tempo!

4′-Paganese pericolosa sulla destra: tiro-cross di Cuppone e palla che termina a lato

13′-Tentativo dalla distanza di Scarpa: palla a lato

15′-GOOOOL DEL TRAPANIIIII: tocco sotto misura di MANUEL MARRASSSS!!!

16′-Secondo gol in campionato per il numero 26 granata che ha trafitto Galli con un tocco sotto delizioso!

18′-Trapani vicino al quarto gol: sinistro di Bastoni deviato da un difensore che si spegne di pochissimo a lato

24′-Prima sostituzione nel Trapani: Minelli rileva Evacuo

26′-Primi cambi per la Paganese: Pavan e Boggian prendono il posto di Acampora e Tascone

27′-Sinistro al volo di Polidori dal limite dell’area: Galli para

28′-Marras per Minelli che prova la conclusione: Galli si oppone in corner

33′-Ammonito Drudi

34′-Doppio cambio nel Trapani: dentro Campagnacci e Steffè, fuori Polidori e Scarsella

37′-Punizione di Bastoni: Galli devia a lato ma il direttore di gara segnala un fallo subito dal portiere ospite

38′-Terzo cambio per la Paganese: fuori Cernigoi, dentro Maiorano

39′-GOOOOOL DEL TRAPANIIII!!! Sinistro vincente di ALESSIO CAMPAGNACCI!!!!

40′-Primo gol in maglia granata per Campagnacci che di sinistro, dal limite dell’area, non ha lasciato scampo a Galli

41′-Doppia sostituzione per il Trapani: fuori Corapi e Bastoni e dentro Girasole e Canino

45′-Concessi 3 minuti di recupero

48′-Finisce la partita: Trapani 4 Paganese 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                        Gubbio -Pordenone

 

Gubbio (4-4-1-1):Volpe; Kalombo, Dierna, Piccinni, Paolelli; Malaccari (35′ st Valagussa), Sampietro (35′ st Giacomarro), Ricci, Ciccone (1′ st Jallow); Casiraghi (1′ st Bazzoffia); Marchi. A disp:(Battaiola, Lo Porto, Pedrelli, Bergamini, Burzigotti, Manari) All.Pagliari

Pordenone (4-3-3): Mazzini; Formiconi, Stefani, Bassoli, De Agostini; Misuraca, Burrai, Caccetta (13′ st Magnaghi); Ciurria (24′ st Cicerelli), Nocciolini (41′ st Parodi), Zammarini. A disp:(Meneghetti, Bombagi, Gerardi, Berrettoni, Cicerelli, Visentin, Silvestro, Nunzella) All.Rossitto

Arbitro: Garofalo di Torre del Greco (assistenti Somma-D’Apice di Castellammare di Stabia)

Reti: 15′ pt Ciurria (P), 7’st Malaccari (G), 12′ st Marchi (G), 23′ st Nocciolini (P), 28′ st Formiconi (P).

Note: ammoniti Caccetta (P), Stefani (P), Ricci (G), Dierna (G), Parodi (P); angoli 0-4; Recupero: 0’pt; 3′ st.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                  Bassano –Fermana

 

 

 

Bassano Virtus (4-3-2-1): Grandi; Bonetto, Pasini, Bizzotto, Karkalis (dal 74' Stevanin); Zonta (dal 84' Fabbro), Botta, Proia; Tronco (dal 62' Gashi), Minesso; Diop. (A disp. Costa, Laurenti,, Bortot, Zarpellon). All. Giovanni Colella

 

Fermana FC (4-4-2): Valentini; Clemente, Ferrante, Gennari (dal 84' Mane), Sperotto; Petrucci, Urbinati (dal 62' Capece), Misin, Maurizi (dal 80' Ciarmela); Da Silva (dal 62' Sansovini), Cremona (dal 62' Lupoli). (A disp. Ginestra, Camilloni, Saporetti, Rossetti, Favo, Grieco, Equizi). All. Flavio Destro
 

Arbitro: Sig. Gianpiero Milele di Nola

 

 

Marcatori: 47' Tronco (B), 57' e 87' Diop (B), 83' Minesso (B) su rig.

 

Ammoniti: Pasini (B), Tronco (B), Gennari /F)

 

Recupero: pt 0'; st 3'

 

Corner: 10-5

 

Spettatori: 800 circa

 

Note: Pomeriggio nuvoloso. Terreno in buone condizioni.

 

Primo tempo:

 

7' Cross dalla sinistra di Sperotto, colpo di testa di Cremona che si spegne a lato.

 

14' Urbinati dalla sinistra serve bene sul secondo palo Petrucci, che solo, colpisce a lato.

 

15' Minesso serve Diop che prova la conclusione dal limite, si immola Gennari che respinge in corner

 

24' Serie di occasioni in area di rigore per il Bassano Virtus, ci prova prima Proia in rovesciata, poi Tronco rimette palla al centro dell'area per la testa di Diop, conclusione a lato.

 

28' Conclusione di Petrucci respinta da Grandi in corner.

 

30' Ammonito Pasini per un fallo su Da Silva

 

31' Da Silva si incarica della punizione, palla alta oltre la traversa

 

31' Conclusione di Botta dai venticinque metri, palla che impatta su Clemente che devia in corner

 

32' Ancora Botta che si incunea in area e prova il tiro, Valentini è attento

 

40' Altra occasione per il Bassano Virtus con un giocatore della Fermana che ribatte a pochi passi dalla linea, Proia poi conclude, palla deviata oltre la traversa

 

43' Ancora Bassano! Minesso da corner pesca Bizzotto, colpo di testa che sorvola la traversa di poco

 

Fine primo tempo Bassano Virtus-Fermana 0-0

Gran primo tempo dei giallorossi che giocano all'attacco ma non riescono a trovare la via del gol. 9 i corner a favore della formazione giallorossa alla fine della prima frazione di gioco!

 

 

Secondo tempo:

 

 

47' GOL BASSANO VIRTUS!!! Fantastica conclusione di Tronco che fa partire un tiro dal limite che s'insacca sotto il sette! Bellissimo gol per il bassanese, il primo nei professionisti!

 

 

53' Ammonito Tronco

 

 

56' Conclusione di Clemente che si spegne a lato

 

 

57' GOL BASSANO VIRTUS!!! Ancora Albertino Tronco che sforna un cross perfetto per la testa di Diop che sigla il suo quinto gol in campionato!!!

 

58' Bassano che gioca sul velluto! Doppio tacco di Tronco e poi Karkalis che cross per Diop che non riesce ad impattare bene sulla palla, Valentini para

 

 

 

60' Cross di Karkalis per Diop che serve all'indietro Zonta, conclusione oltre la traversa

 

 

 

62' Prima sostituzione per il Bassano Virtus: entra Gashi al posto di Tronco, mattatore di giornata con un gol e un assist

 

 

 

62' Tripla sostituzione per la Fermana: entrano Capece, Sansovini e Lupoli al posto di Urbinati, Da Silva e Cremona

 

 

 

71' Tiro-cross di Sansovini che Grandi alza sopra la traversa

 

 

 

74' Seconda sostituzione per il Bassano Virtus: entra Stevanin al posto di Karkalis

 

 

 

80' Conclusione di Bonetto deviata in corner

 

 

 

82' Rigore per il Bassano Virtus!!! Cross di Stevanin con Diop che viene atterrato in area da Gennari che viene ammonito

 

 

 

83' GOL BASSANO VIRTUS!!! Conclusione potente di Minesso dal dischetto e quinto gol per lui! Bassano Virtus-Fermana 3-0

 

 

 

84' Ultima sostituzione per la Fermana: entra Mane al posto di Gennari

 

 

 

87' GOL BASSANO VIRTUS!!! Cross basso di Fabbro dalla sinistra per Diop che sigla la sua prima doppietta in giallorosso! Sesto gol per lui! Poker Bassano Virtus!

 

 

 

3 minuti di recupero

 


#BassanoVirtus-#Fermana 4-0
Che gruppo! Che cuore! Non ci sono parole per descrivere i nostri ragazzi!
7 assenti ma 7 risultati utili consecutivi! 5 vittorie e 2 pareggi e terzo posto in classifica!
Mattatori Tronco (1 gol e 1 assist) e Diop con una doppietta! Rete su rigore di Minesso!
Bravi ragazzi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TRIESTINA-ALBINOLEFFE  2-1 (1-1 pt)

Marcatori: 6’ pt Montella (A), 40’ pt Arma (T), 15’ st Libutti (T)

TRIESTINA: 22 Boccanera; 2 Libutti, 4 El Hasni (15’ st 14 Codromaz), 6 Pizzul, 8 Lambrughi, 9 Arma, 10 Bracaletti (C) (41’ st 21 Acquadro), 11 Mensah, 13 Bariti (30’ st 24 Troiani), 17 Porcari (41’ st 19 Meduri), 37 Coletti.
A disp.: 1 Miori, 3 Grillo, 7 Pozzebon, 15 Maesano, 16 Hidalgo, 18 Celestri, 20 Bajic, 36 Finazzi. All.: Princivalli.

ALBINOLEFFE: 22 Coser; 2 Mondonico (25’ st 35 Badan), 4 Gavazzi, 5 Zaffagnini, 6 Gusu, 8 Agnello (25’ st 18 Sbaffo), 9 Kouko, 10 Montella, 13 Solerio (38’ st 32 Colombi), 15 Nichetti (45’ st 36 Bonfiglio), 17 Giorgione.
A disp: 12 Esposito, 3 Scrosta, 14 Pellicanò, 20 Coppola. All.: Alvini.

Arbitro: Sig. Feliciani sez. di Teramo  coadiuvato da Dibenedetto-Pappagallo.

Ammoniti: Agnello, Mondonico, Montella, Gusu (A), El Hasni (T)

Recupero: +1’, +5’

TRIESTE (TS) – Dopo il convincente pareggio interno con il Bassano Virtus l’AlbinoLeffe era di scena a Trieste, nel suggestivo Nereo Rocco, per sfidare la compagine locale della Triestina.
I padroni di casa, una neopromossa con importanti ambizioni di play-off, rispetto alla gara d’andata s’erano ulteriormente rinforzati con gli innesti di giocatori d’esperienza come Lambrughi e Coletti, mentre gli ospiti si trovavano a fare la conta degli infortunati con Gonzi, Gelli, Di Ceglie e Ravasio fermi ai box.
I ragazzi di mister Alvini dopo appena sei minuti di gioco passano in vantaggio con Montella, abile a rubare palla al limite dell’area e a freddare Boccanera. Al 13’ la chance per raddoppiare capita sulla testa di Giorgione che, dimenticato a centro-area, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Cinque giri di lancette più tardi anche gli alabardati trovano la via della rete con Bariti ma il direttore di gara annulla per la posizione di fuorigioco del numero tredici. I friulani producono il maggior sforzo alla ricerca del pareggio ed un minuto più tardi la conclusione in spaccata di Porcari su sponda di Arma, regala soltanto l’illusione del gol. A metà tempo si rivede l’AlbinoLeffe con un tentativo dalla distanza di Nichetti che si spegne tra le braccia di Boccanera. Al 32’ Arma si trova a tu per tu con Coser, tocco sotto e palla che bacia la traversa prima di incrociare il braccio di Bariti. Centoventi secondi più tardi Kouko prende il tempo ad El Hasni e s’involta verso la porta biancorossa, il tiro però manca di precisione e si perde quindi di molto sul fondo. Al 40’ arriva il pareggio dei locali con Arma che salta più in alto di tutti ed incrocia sul palo lontano.

La ripresa si apre con la volée di Bariti deviata provvidenzialmente in angolo da un difensore seriano. All’8’ Montella ci prova da posizione impossibile e per poco non sorprende l’estremo difensore avversario. Sempre il numero dieci orobico va vicino alla doppietta personale con un colpo di testa che sfiora il montante alla destra di Boccanera. Dopo undici minuti un’invenzione di Mensah  crea più di un grattacapo alla difesa bluceleste ma Arma in spaccata non ci arriva per una questione di centimetri. Al 14’ la Triestina la ribalta con Libutti che con un “cabezazo” manda la palla dove Coser non può arrivare. La pressione dei “muli”, spinti dalla curva, è incessante e Porcari per poco non cala il tris. Anche Bracaletti al 23’ sfiora il bersaglio grosso, ma la sfera lambisce il palo prima di uscire. Intorno alla mezzoral’imprenibile Mensah salta Gusu e mette dietro per Bracaletti, conclusione di prima intenzione che Coser con l’aiuto del palo respinge. Al 34’ una bella assistenza  di Sbaffo libera Kouko a centro-area ma la sua girata non è precisa.
L’AlbinoLeffe chiude in avanti, ma non riesce a creare pericoli degni di nota ed il match si chiude dunque sul risultato di 2-1 per i padroni di casa, che con questi tre punti scavalcano gli ospiti in classifica issandosi a quota 33.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                              Padova - Ravenna

 

PADOVA (4-3-1-2) Bindi, Salviato (81′ Russo), Cappelletti, Trevisan, Contessa; Mandorlini, Pinzi (67′ Serena), Belingheri (41′ Fabris); Sarno (67′ Gliozzi); Guidone, Capello (81′ Bellemo). A disposizione: Merelli, Zambataro, Zivkov, Mazzocco, Cisco, Lanini. All.: Bisoli

RAVENNA (3-5-2)
Venturi, Ierardi, Ronchi, Lelj; Magrini (89′ Barzaghi), Selleri (75′ Ballardini), Piccoli (75′ Cenci), Maleh, Rossi; Marzeglia (87′ Sabba), Costantini (46′ Maistrello). A disposizione: Gallinetta, Scatozza, Capitanio. All. Antonioli

Arbitro: Santoro di Messina (assistenti Garzelli-Meocci)

Note Spettatori 4789 (3555 abbonati + 1234 paganti). Ammoniti: Maleh, Maistrello, Contessa.

 

 

Padova

2-0

Ravenna

93' 

Finisce qui!!! Gara in controllo già dai primi minuti per il Padova che centra la quattordicesima vittoria stagionale e si conferma sempre più in testa alla classifica!

90' 

3 minuti di recupero

89' 

Altro cambio nel Ravenna in una gara che da qualche minuto ormai non ha nulla più da dire. Fuori Magrini e dentro Barzaghi

87' 

Cambioper gli ospiti. Sabba rileva Marzeglia 

81' 

Altra duplice sostituzione per mister Bisoli. Bellemo e Russo entrano al posto di Salviato e Capello

75' 

Doppio cambio anche nel Ravenna: Ballardini e Cenci rilevano Piccoli e Selleri

73' 

Giallo per Contessa e Maistrello per un acenno di rissa dopo un fallo sul terzino biancoscudato

71' 

Guidone prova far filtrare per l'inserimento di Mandorlini, Ierardi salva in scivolata

67' 

Doppio cambio nel Padova, fuori Sarno e Pinzi e dentro Gliozzi e Serena

63' 

Selleri colpisce la barriera poi la difesa biancoscudata spazza

62' 

Punizione da posizione interessante per il Ravenna conquistata da Marzegna

58' 

Conclusione di Sarno da fuori: palla larga

50' 

Bella ripartenza biancoscudata guidata da Sarno che serve Fabris, la cui torre di testa per favorire Capello è respinta dalla difesa giallorossa

46' 

Subito Ravenna in avanti. Palla gol importante proprio per il nuovo entrato Maistrello che servito da Rossi calcia verso la porta ma trova la deviazione di Trevisan che concede solo il corner

46' 

Riparte il match, con un cambio nel Ravenna: Maistrello sostituisce Costantini 

 

Secondo tempo

46' 

Termina il primo tempo, Padova cinico che ha trasformato in rete le due occasioni avute grazie a Guidone. Gara che pare in discesa per gli uomini di Bisoli

45' 

Un minuto di recupero

43' 

Giallo per Maleh colpevole di un intervento in ritardo su Pinzi

41' 

Primo cambio nel Padova. Bisoli è costretto a sostituire Belingheri infortunato, al suo posto Fabris

36' 

Ravenna pericoloso. Corner di Selleri sul quale Ierardi anticipa tutti e mette fuori di poco sul secondo palo

35' 

Conclusione velleitaria di Piccoli da fuori area. Palla lontana dai pali di Bindi

29' 

Raddoppio del Padova!! Ancora Guidone!! L'attaccante ex Reggiana si libera lateralmente in area di rigore e da posizione defilata calcia in porta trovando Venturi impreparato sul suo palo! 2-0!!

22' 

Dopo un inizio a tutta il Padova ora ha abbassato il ritmo con gli ospiti che hanno preso le misure e provano timidamente a rendersi pericolosi

18' 

Ravenna pericoloso sugli sviluppi di un calcio piazzato. Piccoli però cicca la conclusione da posizione favorevole e il Padova si salva

14' 

Ravenna che si affaccia per la prima volta in avanti. Il cross di Rossi per Marzeglia è però preda di un attento Bindi

7' 

Padova in vantaggio!!! Bella azione personale di Capello che si libera di due avversari e serve Guidone il quale in girata infila Venturi all'angolino! 1-0!!!

4' 

Gol annullato al Padova! Punizione di Sarno, prolungata da Belingheri sulla quale si avventa Capello, in fuorigioco per la terna arbitrale, che deposita in rete. Si resta sullo 0-0.

1' 

Partiti, calcio d'inizio battuto dal Padova

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                 Feralpi -Teramo

 

 

 

Il Diavolo torna ospite dei Leoni del Garda a distanza di 286 giorni dall’ultimo successo esterno, maturato proprio al “Lino Turina” di Salò, grazie alla firma di Baccolo.
Palladini deve rinunciare agli indisponibili Castagna, Mancini, Rossi e Ventola; confermato lo schieramento tattico (4-3-3), con alcune variazioni sul tema, costituite da Milillo in luogo di Caidi, Varas esterno difensivo destro con Sales spostato sul versante mancino, Tulli per Panico.

Queste le formazioni ufficiali:

FERALPISALO’ (4-3-2-1): 1 Caglioni, 2 Vitofrancesco (84′ Luche), 20 Legati, 25 Emerson, 21 Martin; 39 Rocca (59′ Parodi), 4 Capodaglio (59′ Staiti), 27 Dettori; 17 Guerra, 30 Voltan (46′ Marchi); 38 Ponce (59′ Ferretti).
A disp.: 22 Livieri, 8 Magnino, 10 Gamarra, 14 Bagadur, 16 Raffaello, 26 Tantardini, 37 Loi.
All.: Beggi.

TERAMO CALCIO (4-3-3): 12 Bifulco, 14 Varas, 13 Milillo, 6 Speranza (K), 15 Sales; 4 De Grazia, 8 Amadio (67′ Graziano), 10 Ilari; 24 Bacio Terracino (67′ Caidi), 33 Gondo (52′ Panico, 67′ Fratangelo), 11 Tulli (59′ Diallo).
A disp.: 22 Calore, 3 Pietrantonio, 9 Sandomenico, 19 Faggioli, 25 Cretella.
All.: Palladini.

Arbitro: Nicola Donda di Cormons.
Assistenti: Assante di Frosinone e Notarangelo di Cassino.

Ammoniti: Tulli (T), Ilari (T), Vitofrancesco (F), Bifulco (T), Milillo (T)
Espulsi: Varas (T)
Marcatori: 71′ Guerra (F), 80′ Fratangelo (T)
Spettatori: 600 circa (una ventina da Teramo).
Note: Recupero: 1′pt, 6′st.

Buon approccio dei biancorossi nei primi minuti, come sottolineato dalla conclusione di Varas dopo due giri di lancette; Feralpi pericolosa con un colpo di testa di Ponce ribattuto sulla linea da Tulli, in un match comunque equilibrato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Tutta la C "  -  Via Ugo Foscolo , 33 - 27058 Voghera - Pavia -

Copyright © 1999 Quotidiano Sportivo Tutta la C