23 anni

 

 

NOTIZIE TUTTALAC

 

 

    

 

CATANZARO-MESSINA 3-0

 

Marcatore: 14′ Vandeputte 16’st autorete di Konate 31’st Iemmello

 

CATANZARO (3-5-2) : Fulignati; Martinelli, Brighenti, Scognamillo; Situm, Bombagi (37’st Pontisso), Ghion, Verna (36’st Cinelli), Vandeputte (33’st Tentardini); Biasci (21’st Curcio), Iemmello (33’stCianci). All. Vivarini. A disp: Sala, Chilà, Welbeck, Fazio, Gatti, Mulè

MESSINA (4-3-3) : Daga; Konate, Trasciani, Camilleri, Ferrin (19’st Versienti); Fiorani (42’st Maliano), Marino, Fofana (42’st Fazzi); Iannone (12’st Curiale), Balde, Catania. All. Auteri. A disp: Lewandowsky, Berto, Grillo, Zuppel, Angileri, Napoletano.

Arbitro: Gabriele Scatena della sezione di Avezzano

 

Note: Spettatori 7289 compresa quota abbonati.

Ammoniti Martinelli, Biasci, Balde, Curiale

Recupero: 1’ e 4’

 

 

Partita senza storia. Un 3-0 che conferma la forza del Catanzaro di questa stagione. Non cìè stata praticamente partita a parte qualche sprazzo di gioco da parte del volenteroso Messina che non ha comunque sfruttato al meglio i pochi spazi concessi dalla retroguardia giallorossa. Un ottimo Catanzaro al cospetto di oltre 7000 spettatori mette subito le cose in chiaro segnando la prima rete dopo soli 14’ di gioco dal belga Vandeputte. Troppo divario tra le due formazioni, per gioco, linearità di manovra, contrasti, tecnica dei singoli. Un Catanzaro rabbioso e deciso a far dimenticare la prestazione un po' sottotono nella recente trasferta di Cerignola dove era riuscito ad evitare la sconfitta ad 1’ dal termine. Una gara che si presta a pochi commenti tale era evidente la differenza di valori sul campo come ha ammesso mister Auteri del Messina che a Catanzaro ha lasciato un buon ricordo per i suoi trascorsi da allenatore dei giallorossi.

 

Maurizio Martino

 

 

 

 

 

                                           V.Pesaro -Ancona

 

Vis Pesaro: Farroni, Ghazzoini, Zoia, Coppola, Rossoni, Gavazzi, Egharevba, Aucelli, Gucci, Astrologo, Cannavò. All Sassarini

 

Ancona: Perucchini, Martina, Mezzoni, Gatto, Bianconi, De Santis, Lombardi, Simonetti, Spagnoli, Paolucci, Moretti. All Colavitto.

 

Reti: 27' Paolucci, 51' Bianconi, 92' Mattioli

 

Note: Spettatori 1800 circa con 600 ospiti. Ammoniti: Gavazzi, Spagnoli. Espulso per entrata scomposta Ghazzoini al 80'.

 

Pesaro. Tutto facile per l'Ancona al Benelli nel derby marchigiano tra le città più grandi della regione.  Padroni di casa che non entrano mai in partita se non nei primi 10 minuti per poi scomparire con gli ospiti pericolosi più volte e padroni del campo. Gli uomini di Colavitto escono con un risultato ampiamente meritato mentre sponda locale ci sarà da riflettere dove pesano troppo le 3 assenze dell'ossatura della rosa di Di Paola, Bakajoko e Fedato, la mancanza di una panchina all'altezza si è subito sentita. Per provare ad alzare l'asticella occorre potenziare la rosa. 

 

Cronaca.

7' Evaregba fugge sulla destra, mette al centro, Bianconi salva sull'accorrente Gucci.

13' Ghazzoini salva su Moretti servito in area da Paolucci.

16' Perucchini si infortuna in contrasto con Gucci, esce per Vitali.

25' Martina liberato, entra in area. Gran tiro deviato sulla traversa da Farroni.

27' Ancona in vantaggio, Paolucci servito in profondità, a tu per tu con Farroni non sbaglia con l'aiuto del palo.

30' Spagnollli, serve una palla sulla corsa di Lombardi conclusione respinta da Farroni.

32' cross di Gatto, Moretti di testa, salva Ghazzoini.

36' Moretti servito in area, conclusione a due passi che deviata sfiora il palo.

51' raddoppio Ancona, corner di Moretti, incornata di Bianconi letale 0-2. 

Esce Astrologo per Marcandella.

56' esce Gucci per Provazza

57' Gavazzi decisivo in scivolata salva sul lanciatissimo Martina a due passi dalla porta.

73' entrano Brogni, Barnaba' e Mattioli per Martina, Mezzoni e Moretti 

81' miracolo di Farroni su insuccata di Simonetti.

92' terza rete Ancona, corner di Simonetti, la palla viene respinta corta dalla difesa, da due passi insacca Mattioli.

94' Farroni salva ancora su Paolucci.

 

 

 

 

 

                                 Lecco –Mantova 3-0

 

 LECCO Bruttissimo scivolone del Mantova, che rimedia un 3-0 a Lecco e incassa la quarta sconfitta su cinque partite di campionato. Punteggio eccessivo per i biancorossi, comunque incapaci di creare pericoli agli avversari se non negli ultimi minuti. Per il Lecco in gol Battistini al 27′, Celjak al 57′ (in entrambi i casi sugli sviluppi da calcio d’angolo) e Lepore all’86’ in contropiede. Il Mantova tornerà in campo domenica prossima al Martelli (ore 17.30) contro la Pro Sesto.

La cronaca

Buon pomeriggio dallo stadio “Rigamonti-Ceppi” di Lecco. Quinta partita di campionato per il Mantova, chiamato contro i lariani a confermarsi dopo il primo successo ottenuto sette giorni fa contro il Trento. In classifica i biancorossi di mister Corrent seguono di un punto i padroni di casa, che si presentano a questo match con un nuovo allenatore: Luciano Foschi. Seguiremo la partita con aggiornamenti in tempo reale.

 

   LECCO (3-5-2): Melgrati; Enrici, Battistini, Celjak; Zambataro (67′ Lepore), Lakti, Zuccon (72′ Girelli), Maldonado (81′ Galli), Giudici (81′ Rossi); Pinzauti, Eusepi. A disp.: Stucchi, Maffi, Maldini, Sangalli, Pecorini, Scapuzzi, Stanga, Longo, Buso. All.: Foschi.

MANTOVA (3-5-2): Chiorra; Matteucci, Iotti, Ceresoli; Messori (74′ Pinton), Gerbaudo, De Francesco (68′ Pierobon), Procaccio (58′ Guccione), Silvestro; Mensah, Yeboah (58′ Paudice). A disp.: Tosi, Malaguti, Ghilardi, Ingegneri, Ejjaki, Cozzari, Fontana. All.: Corrent.

ARBITRO: Simone Taricone di Perugia (assistenti: Landoni e Rainieri di Milano)

RETI: 27′ Battistini, 57′ Celjak, 86′ Lepore

NOTE: Ammoniti: Gerbaudo, Enrici, De Francesco, Maldonado, Melgrati, Lakti. Calci d’angolo: 6-8. Recupero: 1′ + 5′

 

Secondo tempo

95′ Finisce qui.

92′ Altra occasione per il Mantova con Matteucci che colpisce il palo.

90′ Cinque minuti di recupero.

90′ Guccione impegna Malgrati su punizione, ma la partita ormai è segnata.

86′ Terzo gol del Lecco in contropiede. Traversone lungo dalla sinistra, Lepore dal lato opposto fa secco Chiorra con un gran diagonale.

84′ Ci prova anche Guccione con un bel tiro dal limite che impegna Melgrati, costretto a distendersi.

83′ Non si arrende il Mantova, ma serve maggiore incisività.

82′ Cross di Pinton, Malgrati smanaccia in volo.

79′ Insidioso traversone basso di Paudice, Melgrati anticipa di un soffio Mensah.

74′ Un altro cambio per il Mantova: giù Messori, dentro Pinton.

72′ Il Mantova si butta in avanti ma non crea pericoli al portiere lecchese.

68′ Esce De Francesco, entra Pierobon.

60′ Lecco cinico e spietato: due tiri in porta e due gol. Passivo eccessivo per il Mantova che però dovrebbe pungere di più negli ultimi 16 metri.

58′ Doppio cambio per il Mantova: escono Yeboah e Procaccio, entrano Paudice e Guccione.

57′ Raddoppio del Lecco: calcio d’angolo, traversone sporcato da un difensore biancorosso e colpo di testa di Celjak. Nulla da fare per Chiorra.

55′ Mantova più convinto in questo inizio ripresa.

49′ Conclusione insidiosa di Matteucci, Malgrati si rifugia in angolo.

46′ Sta piovendo, campo sempre più viscido.

Si ricomincia. Non si registrano cambi nell’intervallo.

Primo tempo

45′ + 1′ Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. Lecco in vantaggio, il Mantova deve darsi una mossa. A tra poco per la ripresa.

45′ Azione prolungata dei biancorossi e tiro di Gerbaudo dal limite dell’area. Melgrati si distende e devia.

41′ Ammonito De Francesco che trattiene un avversario lanciato in avanti.

36′ Squillo biancorosso con un traversone rasoterra di Procaccio, ma Yeboah è in ritardo e non aggancia.

34′ Il Mantova prova a reagire ma non trova sbocchi. Troppi errori in fase di impostazione.

27′ Gol del Lecco. Sugli sviluppi di un corner, cross di Zambataro e colpo di testa vincente di Battistini.

27′ Dagli sviluppi della punizione scaturiscono due corner consecutivi.

26′ Ammonito Gerbaudo, calcio di punizione per il Lecco.

23′ Altra occasione Mantova con una conclusione di De Francesco su leggerezza difensiva dei padroni di casa. Sulla linea di porta è provvidenziale l’intervento di Zambataro.

19′ Finalmente Mantova! Colpo di tacco di Mensah per Silvestro che respinge in corner la conclusione dell’esterno biancorosso.

17′ Gioco spezzettato, ben poche emozioni finora allo stadio “Rigamonti-Ceppi”.

14′ Occasione Lecco su un traversone basso di Giudici che attraversa tutta l’area di rigore senza trovare nessuno pronto alla deviazione.

14′ Mantova in affanno, cresce il Lecco.

10′ Secondo angolo per i lariani. Mischia in area conclusa da un tiro altissimo di Battistini.

9′ Il primo corner del match lo batte il Lecco. Nulla di fatto dalla bandierina.

8′ Il Mantova prova a fare la partita ma finora non si segnalano occasioni.

5′ Equilibrio in questi primi minuti.

4′ Terreno pesante per l’abbondante pioggia caduta in mattinata.

Seconda panchina consecutiva per Guccione. Corrent conferma il 3-5-2 e schiera Messori esterno destro. Stesso modulo per il Lecco.

Il Lecco, in maglia bluceleste, batte il calcio d’inizio. Mantova in rosso

 

 

 

                          Pergolettese – Arzignano 1-1

PERGOLETTESE: Soncin M., Abiuso F. (dal 32′ st Cancello R.), Andreoli L., Arini M., Artioli F., Bariti D., Iori M. (dal 1′ st Vitalucci H.), Lambrughi A., Tonoli D., Varas K., Verzeni N. (dal 22′ st Guiu B.). A disposizione: Cattaneo M., Rubbi S., Bevilacqua F., Cancello R., Corti A., Gabelli L., Guiu B., Lucenti M., Mazzarani A., Piccinini S., Ruani E., Vitalucci H.

ARZIGNANO: Volpe G., Antoniazzi M., Barba G., Bonetto A., Cariolato F., Casini R. (dal 32′ st Nchama V.), Cester S. (dal 18′ st Tardivo M.), Gemignani A., Grandolfo F. (dal 32′ st Tremolada A.), Molnar I., Parigi G.. A disposizione: Pigozzo R., Saio I., Bontempi M., Bordo L., Davi F., Fyda S., Grosso E., Nchama V., Piana L., Tardivo M., Tremolada A.

Reti: al 32′ pt Arini M. (Pergolettese) al 45’+1 pt Grandolfo F. (Arzignano) .

Ammonizioni: al 42′ pt Lambrughi A. (Pergolettese), al 36′ st Varas K. (Pergolettese) al 26′ pt Casini R. (Arzignano), al 8′ st Bonetto A. (Arzignano).

 

 

 

                              Piacenza –Albinoleffe 2-2

Un punto per parte che non accontenta nessuno. Il Piacenza al “Garilli” va sul 2-0, ma poi si fa raggiungere dall’Albinoleffe. Sembrava una buona partita quella dei ragazzi di Scalise che al 48′ hanno trovato il vantaggio con Cesarini su cross di Munari dopo una deviazione fuori misura di Rossetti. I padroni di casa sembrano assestare il colpo del ko poco dopo. Munari la mette in mezzo e Rossetti viene anticipato dall’ex Milesi che scivola nel classico autogol.
Nemmeno il tempo di esultare e Cocco al 57′ Accorcia le distanze su calcio di punizione. Sempre di Cocco il colpo di testa al 83′ per il definitivo 2-2.
Il Piacenza, schierato nella circostanza con il 4-4-2 deve fare mea culpa. L’atteggiamento è stato certamente diverso rispetto a quello con la gara con l’Arzignano, ma è mancata forse l’esperienza necessaria per chiudere una partita che sembrava già nelle mani dei locali.

83′ Pesante errore di Tintori e Cocco di testa sigla dopo un cross di Tomasetti il 2-2
79′ Entra Morra per capitan Cesarini
Entrano Vianni per Munari e Conti per Rossetti.
67′ Entra Lamesta per Frosinini

Ammonito Parisi. Calcio di punizione per l’Albinoleffe. Molto defilato sulla destra. Gelli la mette in mezzo, ma i biancorossi sbrogliano.
57′ L’Albinoleffe accorcia le distanze su calcio di punizione. Dalla trequarti Cocco disegna una traiettoria perfetta che batte Tintori. Piacenza – Albinoleffe 2-1.

54′ Bellissima azione del Piacenza: Cesarini serve Munari che la mette in mezzo. Rossetti viene anticipato dall’ex Milesi che sigla l’autorete del 2-0 biancorosso!!
52′ Bellissimo tocco in verticale di Munari per Frosinini che era in fuorigioco: sarebbe stato solissimo davanti al portiere.

48′ Piacenza in vantaggio. C’è un cross di Munari, deviazione fuori misura di Rossetti che diventa un assist per capitan Cesarini che nell’area piccola di piatto mette alle spalle di Pagno!
Inizia
la ripresa al “Garilli”. Nessun cambio nelle due formazioni

Primo tempo

Finisce un primo tempo che non ha concesso grosse emozioni. Le due squadre si sono date battaglia in mezzo al campo. Il Piacenza ha provato a più riprese ad infilare gli avversari con lanci lunghi. L’unica occasione di nota al 17′ quando Rossetti in mezzo all’area ha il tempo di prendere la mira ma, poiché contrastato da un difensore, non riesce a dare forza al pallone che termina di poco a lato. Un buon Piacenza che però deve fare qualcosa di più per sbloccare la gara.
40′ Il Piacenza ora cresce: ci sono stati due tiri di Nelli, entrambi contrastati, figli dell’iniziativa biancorossa.
30′ Punizione per l’Albinoleffe. 5 metri fuori dall’area, molto defilata sulla destra. C’è il colpo di testa ad uscire dei biancorossi
18′ Primo corner per il Piacenza che ora sta crescendo. La difesa ospiti però impedisce ai biancorossi di creare pericoli.
17′ Il Piacenza recupera un buon pallone, Cesarini serve Munari che la mette in mezzo, Rossetti prende anche la mira, ma di testa non trova la porta di pochissimo.
10′ Munari appoggia per Parisi che mette un buon pallone in mezzo, dopo il rinvio della difesa è Nelli a provarci dalla distanza con palla abbondantemente sopra la traversa.
9′ Bel lancio di Cosenza a cercare Munari, bello il taglio del biancorosso che viene però anticipato dal portiere. Il Piacenza al momento non cerca di giocare palla a terra, ma prova lanci lunghi per rifornire gli attaccanti.
6′ Punizione per l’Albinoleffe. Dalla trequarti se ne incarica Gelli, ma è bravo Cosenza a rinviare.
Iniziata al “GarillI”. Maglia biancorossa per i Piacenza, classica maglia azzurra per gli ospiti.

Le formazioni

Piacenza (4-4-2): Tintori, Parisi, Cosenza, Masetti, Capoferri, Munari, Suljic, Nelli, Frosinini, Cesarini, Rossetti. All Scazzola

A disposizione: Vivenzio, Maianti, Nava, Giacchino, Morra, Zunno, Pezzola, Palazzolo, Lamesta, David, Vianni, Conti, Onisa

Albinoleffe (3-5-2): Pagno, Milesi, Marchetti, Saltarelli, Gusu ,Giorgione, F. Gelli, Piccoli, Tomaselli, Manconi, Zoma all. Biava

A disposizione: Pratelli, Facchetti, Doumbia, Muzio, Cori, Brentan, Ntube, Cocco, Rosso, Borghini, Genevier, De Felice

 

 

 

 

 

                               Pordenone –Padova 0-1

PORDENONE: Festa M., Andreoni C. (dal 32′ st Dubickas E.), Benedetti A., Burrai S., Candellone L. (dal 32′ st Piscopo K.), Deli F. (dal 30′ pt Torrasi E.), Magnaghi S. (dal 1′ st Maset E.), Negro S., Pinato M., Pirrello R., Zammarini R. (dal 19′ st Biondi K.). A disposizione: Martinez M., Baldassar S., Bassoli A., Biondi K., Dubickas E., Giorico D., Ingrosso G., La Rosa A., Maset E., Piscopo K., Torrasi E., Turchetto D.

PADOVA: Donnarumma A., Belli F. (dal 33′ st Franchini S.), Calabrese B., Cretella C., De Marchi M. (dal 13′ st Ceravolo F.), Dezi J., Jelenic E. (dal 1′ st Radrezza I.), Liguori M., Russini S. (dal 33′ st Gagliano L.), Valentini N., Vasic A. (dal 11′ st Ilie M.). A disposizione: Mangiaracina L., Zanellati A., Ceravolo F., Curcio F., Franchini S., Gagliano L., Gasbarro A., Germano U., Ghirardello T., Ilie M., Piovanello E., Radrezza I., Zanchi A.

Reti: al 10′ st Vasic A. (Padova) .

Ammonizioni: al 14′ pt Pirrello R. (Pordenone), al 24′ pt Negro S. (Pordenone), al 34′ pt Benedetti A. (Pordenone), al 20′ st Andreoni C. (Pordenone), al 38′ st Torrasi E. (Pordenone) al 11′ pt Jelenic E. (Padova), al 18′ st Ilie M. (Padova), al 25′ st Radrezza I. (Padova), al 41′ st Calabrese B. (Padova).

Espulsioni: al 45’+2 pt Negro S. (Pordenone).

 

 

 

 

 

                                Pro Patria –Renate 1-1

Finale di partita vibrante allo stadio Speroni di Busto Arsizio. Dopo una pressione durata praticamente tutta la partita, la Pro Patria ha trovato il gol del vantaggio al 36′ con Piu, bravo a girare di testa in rete un cross ben calibrato da Ndrecka. Il Renate però non si è dato per vinto e ha strappato il pareggio al 43′: il definitivo 1-1 è stato firmato da Esposito, bordata dalla distanza che si insacca alle spalle di Del Favero dopo aver colpito il palo interno, permettendo alle Pantere di ottenere un punto prezioso dopo una partita ricca di difficoltà. ( di Fabio Belli)

                  

 

 

 

                                  V.Verona –Feralpi 0-1                   

VIRTUS VERONA: Sibi S., Cella S., Daffara M., Danti D., Gomez J. (dal 20′ st Sinani I.), Hallfredsson E., Lonardi L. (dal 1′ st Nalini A.), Manfrin G. (dal 39′ st Priore E.), Ruggero M., Talarico R., Tronchin S. (dal 20′ st Casarotto M.). A disposizione: Giacomel A., Siaulys O., Begheldo G., Casarotto M., Cellai L., Faedo C., Mazzolo F., Munaretti L., Nalini A., Priore E., Santi M., Sinani I., Turra M., Vesentini F.

FERALPISALÒ: Pizzignacco S., Balestrero D., Benedetti S., Dimarco C. (dal 45’+1 st Tonetto M.), Di Molfetta D. (dal 39′ st Pilati A.), D’Orazio L. (dal 29′ st Cernigoi I.), Icardi S., Legati E., Pittarello F.,  Salines E., Zennaro M. (dal 29′ st Palazzi A.). A disposizione: Ferretti L., Neri F., Cernigoi I.,  Guerra S., Musatti M., Palazzi A., Pietrelli A., Pilati A., Tonetto M., Verzeletti M.

Reti: al 21′ pt Icardi S. (FeralpiSalò) .

Ammonizioni: al 23′ st Casarotto M. (Virtus Verona), al 45’+4 st Daffara M. (Virtus Verona) al 26′ pt Balestrero D. (FeralpiSalò), al 36′ pt Zennaro M. (FeralpiSalò).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                              Trento –Triestina 1-1

 

TRENTO: Marchegiani G., Belcastro L. (dal 25′ st Ruffo Luci D.), Bocalon R., Cittadino A. (dal 34′ st Ianesi S.), Fabbri A., Ferri L. (dal 32′ st Mihai L.), Garcia Tena P., Osuji W., Pasquato C. (dal 26′ st Saporetti S.), Semprini A., Trainotti A.. A disposizione: Tommasi M., Ballarini M., Brighenti A., Carini F., Ianesi S., Matteucci D., Mihai L., Ruffo Luci D., Saporetti S.

TRIESTINA: Pisseri M., Crimi M. (dal 35′ st Felici M.), Di Gennaro M., Furlan F. (dal 34′ st Pezzella S.), Ghislandi D., Gori M., Minesso M. (dal 43′ st Ganz S.), Paganini L., Petrelli E. (dal 13′ st Lollo L.), Sabbione A., Sarzi D. (dal 44′ st Ciofani M.). A disposizione: Valori D., Adorante A., Ciofani M., Felici M., Galliani D., Ganz S., Lollo L., Lovisa A., Pellacani, Pezzella S., Pozzi A., Rocchetti Y., Rocchi G., Sottini E.

Reti: al 15′ st Trainotti A. (Trento) al 23′ st Paganini L. (Triestina) .

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Lega Pro, A.C. Reggiana 1919, Università di Modena e Reggio Emilia 

si aggiudicano un Bando Europeo Erasmus +

A vincere è il progetto SCALE contro l’abbandono scolastico dei giovani calciatori

 

Scuola e calcio giovanile sono due mondi in prima linea nella formazione dei giovani. Da questo assunto è partito il progetto SCALE (Special dual Career paths Against early Leaving from Education and training), nato dal confronto tra l’Università di Modena e Reggio Emilia e A.C Reggiana 1919 nelle figure del Prof. Loris Vezzali e Del Segretario Generale del club Nicola Simonelli.

 

Il progetto, approvato dall’Unione Europea, mira ad attivare una strategia contro l’abbandono scolastico dei giocatori tra i 14 e i 19 anni, fascia di età nella quale è più frequente il fenomeno della dispersione. Il progetto, sostenuto dalla UEFA e dalla UEFA Foundation for Children, ha respiro internazionale: coinvolge infatti anche le Federazioni di calcio di Malta, Romania, Moldavia, Azerbaijan, un centro di formazione e una associazione scolastica professionale europea.


La strategia disegnata prevede percorsi flessibili di cooperazione tra squadre calcistiche e scuole in cui i giovani atleti potranno vedersi riconosciute le proprie attività sportive mentre i club si impegneranno a monitorare il percorso scolastico dei giovani creando una interdipendenza positiva e un modello integrato tra Club, Scuole, Leghe e Federazioni.

 

Il progetto mira inoltre a costruire buone prassi che potranno essere in seguito valorizzate dalle singole Federazioni nell’organizzazione e nella regolamentazione dell’attività giovanile (Licenze Nazionali per le squadre professionistiche e indicazioni generali per le altre società).

 

Per l'Italia le attività progettuali saranno affidate all’A.C. Reggiana 1919, società professionistica fortemente impegnata sui temi della responsabilità sociale e dell'educazione dei giovani, che le attuerà insieme alla stessa Lega Pro e all'Università di Modena e Reggio Emilia. Il club lavorerà anche come catalizzatore, ponendosi come punto di riferimento per le squadre dilettantistiche del territorio.

 

Attraverso questo percorso, calcio e scuola svilupperanno una interdipendenza ancora maggiore. Il calcio non è più solo un luogo dove imparare, ma anche dove gettare le basi per l'educazione scolastica e la riuscita negli studi mentre la scuola diventa un supporto educativo e cognitivo per valorizzare le proprie competenze nel mondo dello sport.

 

Ufficio Comunicazione
Lega Italiana Calcio Professionistico

 

 

 

 

 

Ivone De Franceschi, ex centrocampista del Padova, ai microfoni de Il Mattino ha parlato dell'inizio di stagione dei biancoscudati. "Per il momento la strategia del Padova sta funzionando e sono felice. Lottare per la promozione? Presto per dirlo, anche perché a Padova quando resti al vertice la pressione inevitabilmente aumenta. In questo devono essere bravi i giocatori a non farsi condizionare, a non pensare a quello che può accadere tra tre mesi ma a scendere in campo sempre con l’atteggiamento fatto vedere contro la Pro Patria". A.S.

 

 

 

 

 

 

 

 

Intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per commentare il big match di sabato tra Pordenone e Padova, squadre che si contenderanno il primato del Girone A, mister Fabio Rossitto ha fatto le carte alla sfida individuando anche le altre favorite per la vetta: "Mi aspetto una partita frizzante, andrò a vederla. E' un confronto non determinante però si potrà già evincere come potrà proseguire la stagione. Credo che se il Pordenone gioca come ha giocato le prime partite metterà in difficoltà il Padova. E' un Pordenone solido: la squadra dovrà essere corta e con una grande concentrazione dal primo minuto. Per la vetta comunu lotteranno anche Vicenza e Feralpisalò, ma ne uscirà una sola".V.D.

 

 

 

 

 

VARIAZIONE GARE - 6 a GIORNATA DI ANDATA La Lega, anche a ratifica degli accordi intercorsi tra le società interessate, a parziale modifica di cui al Com. Uff. n.20/DIV del 14.09.2022, ha disposto per le sottonotate gare le seguenti variazioni:

 

SABATO 01 OTTOBRE 2022 GIRONE A ALBINOLEFFE - LECCO Sabato* Ore 14.30 * Anticipo disposto in relazione alla comunicazione delle autorità competenti - concomitanza con la gara Atalanta-Fiorentina di Serie A TIM.

 

GIRONE B TORRES - VIS PESARO Sabato Ore 14.30

DOMENICA 02 OTTOBRE 2022 GIRONE A NOVARA – L.R. VICENZA Domenica Ore 14.30

PRO PATRIA - PRO VERCELLI Domenica Ore 14.30 RENATE - PORDENONE Domenica Ore 14.30 TRIESTINA - VIRTUS VERONA Domenica Ore 14.30

 

 

 tuttalac -  Via Ugo Foscolo 33 - 27058 Voghera - Pavia -

Copyright © 1999 Quotidiano Sportivo Tutta la C