Le news non firmate arrivano direttamente dai siti ufficiali delle rispettive società. Grazie.

 

                                                                 AVELLINO - PICERNO 1-1

42' Micovschi - 49' Kosovan

AV (3-5-2) Dini; Illanes, Zullo, Bertolo (66' Alfageme); Celjak, Izzillo (76' Evangelista), Di Paolantonio, De Marco, Laezza;  Albadoro, Micovschi.
A disp. Tonti, Pizzella, Morero, Rossetti, Carbonelli, Russo. All. Capuano.

PIC (3-5-2) Pane; Priola, Zaffagnini, Lorenzini; Melli (74' Vanacore),  Pitarresi, Vrdoljak, Kosovan (89' Calamai), Guerra (75' Squillace); Nappello (75' Sparacello), Santaniello.
A disp. Cavagnaro, Ripa, Ruggieri, Donnarumma, Montagno. All. Giacomarro.

ARBITRO: Angelucci di Foligno. (Tinello-Donato)
NOTE: spettatori 3800. Ammoniti: Evangelista, Laezza, Priola, Vrdoljak, Alfageme, Pane. Angoli: 5-4. Recupero 1 + 4

Pareggio amaro per l'Avellino contro un Picerno che invece sembra aver ottenuto quello che desiderava.
Irpini spaventati all'inizio da un colpo di testa, poi dominano. Albadoro fallisce due occasioni, poi un Micovschi
in palla fa una discesa travolgente ma non trova l'assist al centro. Si rifarà a fine tempo sfruttando in maniera vincente
il cross di Celiak. La gran fatica per segnare dei lupi viene vanificata dopo soli 4 minuti della ripresa dal diagonale
di Kosovan. Da lì in poi il Picerno torna a controllare un Avellino meno pungente e pericoloso con il tiro da fuori di
De Marco alzato da Pane. Sui titoli di coda il suo collega Dini all'esordio evita la beffa su corner.
Corrado Bruno. 

 

 

                                                                        Cavese -Teramo

Formazioni

CAVESE (4-4-3-3): D'Andrea; Spaltro, Matino,Marzorati, Polito; , Bulevardi,Castagna,Matera, Maza,Germinale,Di Roberto. All. Campilongo

A disposizione : Paduano, Nunziata, D'Ignazio, Lulli,Favasuli,Cernaz, Marzupio, Mirante, Cesaretti,  De Luca

TERAMO (4-3-1-2) Tomei,Cancellotti, Piacentini, Soprano,Tentardini;Santoro, Ilari,Viero;Costa Ferreira; Bombagi,Magnaghi. All.Tedino

A disposizione:Valentini,Lewandowski, Florio, Cristini, Arrigoni, Mungo, Cappa, Fiore,Birligea

Arbitro: Maggio sez. Lodi

Assistenti: Bonomo-Giorgi

Angoli: 6-9

Marcatore: 13' s.t. Matino

Ammoniti Cavese: Lulli al 29' s.t.

Ammoniti Teramo: 31' Viero 15' s.t. Arrigoni

Espulsi : nessuno

Sostituzioni Cavese: 25' s.t.Cesaretti e Lulli per Di Roberto e Castagna al 25'; 37' Marsupio per Maza 47' s.t. Favasuli per Bulevardi

Sostituzioni Teramo:1' s.t. Arrigoni per Vieri; 20' Cristini per Piacentini 22' Cappa per Ilari; 38' Mungo e Birligea  per Santoro e Tentardini

 

Recupero primo tempo:1'

Recupero secondo tempo:4'

 

Spettatori:1500 circa 

 

Genny Vitale

Vittoria sofferta della Cavese che riesce ad avere la meglio sul Teramo. Successo di misura per i metelliani, arrivato nella ripresa grazie ad un colpo di testa di Matino su assist fornito da Di Roberto. Primo tempo abbastanza equilibrato, e avaro di emozioni,con le due formazioni che si sono annullate a vicenda.Nella ripresa parte meglio la Cavese che dopo essere passata in vantaggio ha l'occasione per chiudere il match ma Maza la spreca. Da quel momento il Teramo alza il baricentro e comincia a giocare prevalentemente nella metà campo dei biancobleu. La conclusione più pericolosa è ad opera di Bombagi che colpisce la parte esterna del palo. Il forcing finale dei biancorossi non basta in quanto il risultato non cambia.Tre punti che permettono alla compagine di Campilongo di entrare in zona play off. Per gli uomini di Tedino  la possibilità del riscatto in casa fra sette giorni contro il Rende.

Cronaca

Primo tempo

8' punizione di Castagna in area per Marzorati che tocca per Di Roberto il quale non riesce a calciare.

20' Marzorati in area per Germinale che di testa non inquadra la porta.

26' Maza prova a sorprendere con un pallonetto Tomei, palla sopra la traversa.

39' cross dalla sinistra di Germinale, Soprano provvidenziale nell'anticipo su Bulevardi.

42' lancio di Maza per Di Roberto che con un pallonetto supera Tomei e mette in rete, ma il gol viene annullato per un inesistente fuorigioco.

44' Matera a tu per tu con Tomei si fa respingere la conclusione dal numero uno  biancorosso.

45' Magnaghi entra in area e calcia, Marzorati in scivolata mette in angolo.



Secondo tempo

7' Bombagi impegna severamente D'Andrea, la cui conclusione viene deviata in angolo dal portiere metelliano.

13' angolo per la Cavese, Di Roberto per la testa di Matino che porta in vantaggio la Cavese.

15' contropiede della Cavese con Maza che anziché servire solo davanti alla porta Di Roberto tira da posizione decentrata, sprecando una ghiotta occasione per raddoppiare.

22' spettacolare conclusione a giro da fuori di Bombagi, palla sulla parte esterna del palo.

42' cross in area di Costa Ferreira, D'Andrea in presa alta perde la palla pericolosamente ma poi rimedia.

 

 

                                                                 Pesaro -Ravenna

 

VIS PESARO (3-5-2)

Puggioni; Gennari, Lelj, Farabegoli; Nava, Paoli, Misin, Tessiore; Di Nardo(80' Ricciulli), Marcheggiani(80' Malec), Lazzari(55' Voltan). A disposizione: Ciacci, Bianchini, Campeol, Gabbani, Voltan, Gomes Ricciulli, Adorni, Ejjaki, Di Munno, Malec. All. Simone Pavan

RAVENNA (3-5-2)

Cincilla; Cauz, Caidi, Jidayi; Zambataro, Gavioli, Mawuli(74' L'ora), Papa, Martorelli(70' Negretti); Giovinco(55' Mokulu), Nocciolini. A disposizione: Spurio, Grassini, Ronchi, Raffini, Purro, D’Eramo, Nigretti, Salvatori, Mokulu, Lora. All. Luciano Foschi

Note: Spettatori 1300 circa, ammoniti: Tessiore, Cauz, Eklu, Farabegoli.

Un tempo a testa tra Vis Pesaro e Ravenna. Buono il primo per i padroni di casa che sprecano tre buone occasioni. Nella ripresa il Ravenna alza il baricentro e prova a creare qualche pericolo con un rigore dubbio non concesso. I biancorossi continuano a faticare a creare gioco con un centrocampo molto limitato imbottito di troppi giovani dove mancano giocatori di qualità, nemmeno il ritorno in campo di Voltan autore dell’unica conclusione nella ripresa basta per vincere un importante scontro diretto. Un punto che serve a poco ai padroni di casa che si troveranno ora tre gare terribili. La cronaca:

2' cross di Nava, colpo di testa di Nardo, alza in corner Cincillà.

24' filtrante Paoli per Marcheggiani, assist per Lazzari che colpisce il palo

31' Marcheggiani se ne va appena entrato in area Angola troppo la conclusione.

53' Martinelli mette al centro, Giovinco gira a lato da buona posizione.

65' occasione Ravenna, cross di Martorelli colpo di testa Nocciolini respinto forse con la mano da un difensore. 

88' Voltan entra in area, conclusione deviata in corner.

 

Andrea Fabbrucci

 

 

 

 

                                                     Arezzo -Pergolettese

L'Arezzo prova a scacciare la parola crisi e lo fa ospitando la Pergolettese dopo la conferenza stampa di Di Donato con il tecnico che ha puntato il diti contro le "critiche costruite ad arte" dalla stampa. In difesa Baldan prende il posto di Borghini, in mediana c'è Piu al posto di Belloni. Pergolettese con il 4-2-3-1.

90' - Saranno tre i minuti di recupero.

87' - Non è accaduto più dopo la terza rete. Ormai si attende solo il fischio finale.

68' - L'Arezzo si dispone con un 4-3-2-1. Cutolo e Belloni si piazzano alle spalle di Gori.

67' GOL AREZZO: magistrale punizione di Foglia. L'Arezzo chiude la partita.

52' - Traversone di Piu, Cutolo viene ostacolato al momento del tiro. Il pallone resta sui piedi di Gori che conquista un angolo.

48' - Incornata di Agnelli, nessun problema per Pissardo.

46' - Squadre in campo per la ripresa. Nessun cambio durante l'intervallo.

45' + 1' - Arezzo in vantaggio 2-0 dopo il primo tempo.

45' - Un minuto di recupero.

43' - Lucenti regala palla all'Arezzo che innesca Cutolo, ma il capitano viene ipnotizzato da Ghidotti

 

39' - Ammonito Caso, era in diffida, salterà la prossima partita a Gorgonzola contro l'Albinoleffe (ore 17:30).

34' GOL AREZZO: Foglia recupera palla e innesca Corrado in contropiede che viene atterrato a metà campo, c'è Cutolo sul pallone che si invola verso Ghidotti. Il capitano entra in area e lascia partire un sinistro che viene deviato da un difensore e si infila sotto la traversa.

31' GOL AREZZO: Cutolo con un rasoterra preciso serve Gori tra due difensori che batte Ghidotti in uscita.

27' - Angolo di Cutolo, deviazione di Gori e palla che scheggia il palo.

23' - Punizione dalla distanza di Panatti, conclusione potente che esce di poco a lato.

15' - Miracolo di Pissardo che alza sopra la traversa la deviazione da due passi di Bortoluz che ha la meglio in mezzo a Baldan e Ceccarelli.

9' - Gori contrastato in area chiede il penalty. Episodio da rivedere con l'attaccante che ha accentuato troppo la caduta.

5' - Caso va via a Fanti entra in area e da posizione defilata calcia addosso a Ghidotti. Cutolo si infuria, chiedeva palla al centro.

3' - Traversone di Corrado, Cutolo viene murato e conquista un angolo.

1' - Inizia la partita confermati gli schieramenti.

AREZZO (4-4-2): 1 Pissardo; 16 Luciani (23' st 6 Picchi), 13 Ceccarelli, 27 Baldan, 19 Corrado (15' st 3 Sereni); 14 Piu (15' st 7 Belloni), 8 Foglia, 29 Tassi, 20 Caso (23' st 5 Borghini); 10 Cutolo (29' st 23 Rolando), 18 Gori.
A disposizione: 22 Daga, 2 Mosti, 4 Mosti, 9 Mesina, 11 Zini, 13 Ceccarelli, 21 Benucci, 30 Cheddira.
Allenatore: Daniele Di Donato.
Diffidati: 16 Luciani, 20 Caso, 31 Volpicelli. Indisponibili: 31 Volpicelli, 33 Dell'Agnello.


PERGOLETTESE (4-2-3-1): 1 Ghidotti; 2 Fanti (15' st 17 Russo), 13 Lucenti, 14 Bakayoko, 3 Villa; 6 Panatti (15' st 20 Ferrari), 32 Agnelli; 35 Duca (20' st 30 Brero), 10 Franchi (15' st 23 Canessa), 21 Morello; 26 Bortoluz (20' st 8 Manzoni).
A disposizione: 22 Romboli, , 9 Malcore, 25 Girgi.
Allenatori: Fiorenzo Albertini - Gianni Piacentini.
ARBITRO: Luca Zucchetti di Foligno (Mirco Carpi Melchiorre di Orvieto - Andrea Cravotta di Città di Castello).
RETI: pt 31' Gori, 34' Cutolo; st 22' Foglia.
Note - Recupero: 1' + 3'. Angoli: 8-7. Ammoniti: pt 35' Fanti, 39' Caso; st 37' Sereni

 

 

 

                                                                    Novara -Pontedera

 

Uno a uno tra Novara Pontedera dopo ottantotto minuti di gioco. Mancano appena due minuti, più eventuale recupero, al termine della sfida. Occasione Pontedera al sessantanovesimo, con Semprini che cerca di sorprendere il portiere avversario con una giocata col destro che esce fuori non di molto. Il Novara risponde quindici minuti più tardi: Gonzalez lascia partire un traversone dentro larea, Bianchi devia sul fondo. Allottantasettesimo i padroni di casa conquistano un calcio di rigore dopo un fallo di Salvi su Bianchi. Dal dischetto si presenta Schiavi, che non fallisce e fissa luno a uno. Parità ed equilibrio a Novara quando siamo ormai agli sgoccioli della sfida. Resta il recupero ai novaresi per tentare il sorpasso. 

 

 

 

 

 

 

                                                                              Pro Vercelli -Monza

I padroni di casa giocano un primo tempo orribile, troppo orribile per essere vero e infatti nella seconda frazione di gioco entrano con un altro spirito. Il rigore segnato destabilizza i biancorossi che avevano chiuso sopra 2-0 il primo tempo. Ma tolto qualche mischione in area, Lamanna non corre grossi pericoli. Per il Monza continua la fuga in vetta.

Fischio finale: 1-2 per il Monza che espugna con merito il Piola di Vercelli.

Ultima occasione per la Pro Vercelli ma Armellino libera da centro area.

Rimane a terra Rigoni al limite dell’area del Monza. Dopo le dovute cure, il possesso rimarrà in ogni caso del Monza. I tifosi brianzoli in curva festeggiano. Il coro è quello che accompagna i biancorossi ormai da qualche settimana: “La capolista se ne va”

47’ Pro in avanti, ma Monza in controllo

Scade il 45esimo, saranno 4 i minuti di recupero

44’ il Monza cerca di tenere la palla lontana dalla propria metà campo per evitare guai. Preziosissimo il lavoro di Brighenti

40’ ultimi cambi per il Monza. Marconi va a coprire la fascia sinistra al posto di Anastasio, mentre Brighenti buttato in avanti a fare la guerra tra i difensori locali al posto di un discreto Gliozzi

37’ Bellusci grande protagonista di una serie di chiusure puntualissime. Da rimarcare la sua prestazione in marcatura: eccezionale. Ammonito Varas per entrata scomposta su D’Errico

34’ angolo per la Pro Vercelli: palla alta in mezzo per Auriletto che sfiora appena e forse la toglie dalla disponibilità di Petrovic meglio piazzato in area

33’ una bruttissima apertura di Chiricò in orizzontale sulla trequarti scatena la ripartenza locale, D’Errico è costretto a fermare tutto con un fallo prima che l’azione possa farsi pericolosa e si guadagna il giallo. Gilardino manda dentro anche Petrovic per il finale

31’ ora la partita è equilibrata. Il Monza si fa preferire per il possesso, ma i piemontesi danno l’impressione di poter essere più pericolosi

27’ ammonito Bani per proteste

25’ gran botta dalla distanza di Chiricò su punizione con il pallone che sfila di poco alto oltre il bersaglio

23’ Dopo la sbandata successiva al gol subito, il Monza ci ha messo qualche minuto a ritrovare spazi e controllo del campo, ma a venti minuti dalla fine riesce a tenere constatemente il possesso della palla. Il peggio sembra passato, ma la Pro ha riaperto il match

19’ azione insistito di D’Errico sulla sinistra. Il 10 vince un paio di rimpalli e riesce a concludere potente di destro, ribattuto in angolo. Dal corner palla sul primo palo che Gliozzi cerca di deviare di tacco, trovando solo il fondo

16’ doppio cambio Monza: dentro Chiricò per Iocolano e Armellino per Fossati, autore del gol del vantaggio monzese.A livello tattico non cambia nulla, Chiricò andrà dietro le punte, pronto a sfruttare la sua velocità in ripartenza

14’ ci prova Gliozzi al volo da una quarantina di metri, ma la battuta è lenta e comunque fuori dai pali; di certo non poteva impensierire Saro.

12’ ancora un calcio da fermo per i padroni di casa questa volta, ma Rosso a rientrare con Comi che non riesce ad approfittare dell’assist sul secondo palo

10’ punizione dal limite, angolo destro dell’area di rigore del Monza. Sul punto di battuta ci va il mancino Quagliata che mira e centra l’incrocio, ma Lamanna è spettacolare nel volo a sventare il pericolo

Ora la partita è decisamente più accesa e divertente. Brocchi chiede a D’Errico di dare maggior dinamismo rispetto ad uno spento Morosini

8’ cambio per il Monza, fuori Morisini dentro D’Errico. Ammonito anche Auriletto per fallo su Mota Carvalho in ripartenza

7’ Anastasio atterra Varas in ripartenza e si becca la ripartenza. Ammonizione

4’ palla pericolosissima di Azzi dalla destra per Comi appostato tutto solo a centro area, ma il servizio è leggermente arretrato e la punta non riesce a spingere in rete da posizione favorevolissima

1-2 al Piola di Vercelli, vediamo come il Monza saprà assorbire il colpo e soprattutto se la Pro Vercelli avrà definitivamente cambiato l’inerzia del match

3’ GOL DELLA PRO VERCELLI su rigore: rincorsa di Rosso, battuta centrale e rete. Il rigore per la Pro Vercelli è stato assegnato per atterramento a centro area di Comi. Per l’arbitro la spinta di Bellusci è fallosa

La Pro aveva cominciato con un triplo cambio: Bani per Mal, Comi per Graziano e Varas per Iezzi

Monza dominante sin dalle primissime battute del match. La tifoseria della Pro Vercelli esorta in modo eloquente i giocatori di casa a mostrare maggior coraggio nella ripresa.

40’ angolo per il Monza sulla solita folata mancina organizzata da Mota, Morosini e Anastasio. Dal corner il numero la mette forte sul primo palo ma in qualche modo la Pro respinge ed esce dall’area

35’ la reazione della squadra di Gilardino si è già esaurita e ora il possesso è tornato al Monza, che tiene il pallone nella metà campo ospite pronto ad approfittare di una qualsiasi occasione per chiudere definitivamente il match

29’ Ora la reazione dei piemontesi è più convinta. Sul 2-0 non possono più stare bassi ad aspettare gli eventi. Un paio di palle alte in area hanno messo in difficoltà la retroguardia ospite, che comunque è sempre riuscita a liberare

27’ seconda conclusione della Pro. Il protagonista è ancora Rosso, con una botta di destro che sfila a lato di un metro rispetto al palo difeso da Lamanna

24’ ammonito Fossati per fallo sulla trequarti difensiva. La successiva punizione è sventata da Lamanna con la partecipazione di Anastasio

23’ GOOOOOOOOOOOOOOOOOL PER IL MONZAAAAAAAAAAAAA

Il Monza continua a mantenere il possesso in zona d’attacco. I padroni di casa sono molto rinunciatari in fase offensiva. Occasione per Iocolano che entra in area dalla destra, la conclusione è potente ma deviata in angolo. Palla dentro manovrata da corner, l’ultimo a deviare è un giocatore della Pro, l’autorete è di Auriletto. In zona c’erano Gliozzi e Bellusci che si sono guardati l’un l’altro per capire di chi fosse il gol, ma è autorete di Auriletto.

15’ la Pro Prova a reagire e si porta in avanti, sulla sinistra, ma non va oltre qualche sterile passaggio.

12’ GOOOOOOOOOOOOOOOOOOL PER IL MONZAAAAAAAAAAAA

Mota salta il diretto avversario sulla sinistra, arriva sul fondo e la mette dietro per l’accorrente Fossati che apre il piattone a colpo sicuro. Una deviazione fa il resto per mettere definitivamente fuorigioco Saro.

10’ il primo tiro della partita però è locale, con la bella azione personale di Rosso che brucia Scaglia in ripartenza e calcia forte sul primo palo. Lamanna respinge in angolo. Nel seguente corner la Pro spedisce una palla alta in area e la difesa biancorossa respinge con affanno

9’ possesso nettamente a favore del Monza in quest’avvio, Iocolano lavora in mezzo alle linee e cerca di offrire l’appoggio ai compagni. Piemontesi ordinati, ma molto arretrati

7’ Monza in avanti sulla destra, ancora non riesce a pungere soprattutto perchè la Pro Vercelli contiene con ordine

Cominciata, primo possesso Monza. La novità è la presenza in attacco dall’inizio di Mota Carvalho. A centrocampo invece turno di riposo per Armellino, al suo posto Rigoni con Fossati spostato a destra

PRO VERCELLI (3-5-2): Saro; Iezzi, Masi, Auriletto, Quagliata; Graziano, Carosso, Grossi; Azzi, Rosso, Mal All. Gilardino (Moschin, Foglia, Erradi, Comi, Petrovic, Bani, Della Morte, Romairone, Franchino, Varas, Merio, Vetri)

MONZA (4-3-1-2): Lamanna; Lepore, Scaglia, Bellusci, Anastasio; Morosini, Fossati, Rigoni; Iocolano; Mota Carvalho, Gliozzi All. Brocchi (Sommariva, Galli, Chiricò, Brighenti, D’Errico, Finotto, Rauti, Marconi, Armellino, Mosti, Paletta, Franco)

ARBITRO: Sig. Santoro di Messina (Barone-Mariottini)

 

 

 

 

                                                                             Siena Lecco

 

Fall per Giudici, Buschiazzo lo trattiene ingenuamente, rigore per il Lecco. Strambelli si presenta sul dischetto e non sbaglia! Ritorna in parità la gara. Dieci minuti alla fine, le due compagini provano il tutto per tutto. Maffei dopo un rimpallo arriva da solo verso Maffei ma spedisce fuori. Grande chance per Icardi che manda altissimo, Livieri tira un sospiro di sollievo. Termina in parità la contesa, gara equilibrata

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

                                                                      Arzignano Sambenedettese

 

Arrivati a un quarto dora dalla fine della diretta di Arzignano Sambenedettese il risultato è di 1-1. Sono stati decisivi i cambi degli ospiti, che hanno regalato freschezza e aumentato il ritmo della partita. Al minuto 56 sono entrati Rapisarda, Piredda e Volpicelli per Miceli, Di Massimo e Rocchi. Subito dopo la partita è stata ripresa in mano grazie a un gol di Grandolfo che si era visto annullare, per fallo dubbio, una rete già nella prima frazione di gioco. Sarà interessante vedere chi da qui alla fine avrà la voglia di provare a vincere una partita che per ora è sul pari il risultato più giusto per quanto si è visto in campo. Intanto continuano a scaldarsi diversi calciatori importanti che potranno fare il loro ingresso nel rush finale. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                            Fermana Piacenza

 

Allo Stadio Bruno Recchioni le squadre di Fermana e Piacenza non vanno oltre un pareggio per 1 a 1. Nel primo tempo gli ospiti erano riusciti a prendere in mano le redini dellincontro passando anche in vantaggio al 18 grazie alla rete messa a segno da Bacio Terracino, su assist di Urbinati. Linfortunio capitato a Corradi, rimpiazzato da Cattaneo al 21, non ha però rallentato gli ospiti che, in avvio di secondo tempo, sono riusciti a trovare il gol del pareggio definitivo al 47 proprio per merito del neo entrato Cattaneo, capitalizzando il preciso suggerimento dalla destra offertogli dal suo compagno Zappella. Il punto guadagnato questoggi consente rispettivamente alla Fermana di portarsi a quota 23 nel girone B mentre il Piacenza sale a 37 punti in classifica

 

 

 

 

                                                                       Pro Patria – Juventus U23

 

La Pro Patria torna a vincere in casa battendo la Juventus U23 per 3-2 al termine di una gara infinita. Al 71′ i bustocchi si riportano nuovamente in vantaggio grazie al nuovo entrato Palesi che si fa recapitare sul secondo palo un traversone di Cottarelli e lo deposita in porta alle spalle di Loria che per la terza volta deve raccogliere il pallone in fondo alla rete. Nel finale i bianconeri allo stremo delle forze tentano il tutto per tutto, al 79′ la formazione di Pecchia batte un calcio di punizione dal limite con Fagioli: sponda di Toure per Mulé che deve fare i conti con Tornaghi, autore di un grande intervento con il quale salva il risultato. I cinque minuti di recupero non bastano a evitare la sconfitta e dopo il triplice fischio un nervosissimo Fagioli si vede sventolare il cartellino rosso per aver mandato platealmente a quel paese l’arbitro Bordin

 

 

 

 

 

                                                                        Pistoiese - Carrarese

 

Allo Stadio Marcello Melani le squadre di Pistoiese e Carrarese non vanno oltre un pareggio per 1 a 1. Nel primo tempo gli ospiti erano riusciti a spezzare l’equilibrio iniziale soltanto al 38′ grazie alla rete messa a segno da Infantino, sfruttando l’assist del suo compagno Cardoselli. Nella ripresa ci pensa quindi Tedeschi a ristabilire la parità in maniera definitiva al 47′ con uno sfortunato autogol ad intercettare malamente un cross di Ferrarini. I padroni di casa sfiorano poi il sorpasso al 64′, quando Morachioli è stato anticipato da Foresta sul più bello. Il punto guadagnato quest’oggi consente rispettivamente alla Pistoiese di portarsi a quota 29 nel girone A mentre la Carrarese sale a 39 punti.

 

 

 

 

 

 

                                                                                   Carpi -Padova

Allo Stadio Sandro Cabassi le squadre di Carpi e Padova si annullano a vicenda con un pareggio per 1 a 1. Nel primo tempo, nonostante gli sforzi effettuati dai padroni di cas, sono gli ospiti a riuscire a passare in vantaggio intorno al 21′ grazie alla rete messa a segno da Kresic, su assist del suo compagno Hallfredsson da punizione. Gli uomini di mister Riolfo colgono poi una traversa nel finale di frazione e la gara rimane bloccata fino al 75′, quando trovano il gol che ristabilisce definitivamente l’equilibrio con Biasci, autore di un bel movimento a liberarsi di due difensori sulla rimessa laterale di Puttini. Il punto guadagnato quest’oggi consente rispettivamente al Carpi di portarsi a quota 46 nel girone B mentre il Padova sale a 40 punti

 

 

 

 

                                                                       Rende- Vibonese

 

Termina in parità il derby calabrese tra Rende e Vibonese, al triplice fischio di Emmanuele finisce 1-1 con la squadra di Rigoli che resta al terzultimo posto nella classifica del girone C di Serie C, un punto che non smuove gli ipponici che restano a centro gruppo. Al 72′ Prezioso pareggia i conti e vanifica gli sforzi compiuti dai rennitani per portarsi in vantaggio. Gli uomini di Facciolo provano a ribaltarla, Tito scalda i guantoni di Savelloni che non riesce a trattenere la sfera, Emmausso sbaglia però il tap-in che avrebbe consegnato i tre punti ai suoi compagni. Anche Prezzabile fallisce la chance di fare la differenza e dunque nulla di fatto al Razza

 

 

 

 

 Tutta la C "  -  Via Ugo Foscolo , 33 - 27058 Voghera - Pavia -

Copyright © 1999 Quotidiano Sportivo Tutta la C