Le news non firmate arrivano direttamente dai siti ufficiali delle rispettive società. Grazie.

 

 

                                         CUNEO - ALBISSOLA 1-1 - 9' Martignago; 45'st+1 Defendi

45'st+4 Finisce qui al Paschiero: Cuneo e Albissola impattano sull'1-1: in gol Martignago al 9' del primo tempo per gli ospiti, pareggio dei padroni di casa nel primo minuto di recupero del secondo tempo grazie al sigillo di Defendi.

45'st+1 IL PAREGGIO DEL CUNEO: Defendi anticipa tutti sul secondo palo e di testa firma la rete dell'1-1. Esplode la tensione anche sugli spalti.

45'st Saranno 4 i minuti di recupero.

44'st Caso sfonda il muro eretto dalla difesa ospite, ma al momento della conclusione non trova la porta.

43'st Ancora proteste del Cuneo per un altro tocco di mano in area ceramista, questa volta di Oliana: l'arbitro con ampi cenni fa segno che si può andare avanti. Reazione nervosissima della panchina piemontese, è un finale incandescente al Paschiero!

39'st Doppia sostituzione per i ceramisti: fuori Mahrous e Moretti, dentro Gargiulo e Calcagno. Albissola che alza le barricate. Nel frattempo scintille tra Santacroce e Silenzi, anche in questo caso nessun provvedimento del direttore di gara.

38'st Suljic, che occasione per il Cuneo! Discesa di Jallow sulla destra e traversone all'indietro per l'accorrente numero 14 che spedisce il pallone alle stelle.

36'st Cisco spreca calciando malamente oltre la traversa una buonissima chance in contropiede che poteva valere il raddoppio: il numero 21 dopo una cavalcata di circa 50 metri manda il pallone alto.

33'st Proteste locali per un presunto mani di Oukhadda in area albissolese, il signor Amabile di Vicenza lascia proseguire.

32'st Silenzi duella con un difensore avversario e riesce a indirizzare la sfera verso la porta dei piemontesi, conclusione però debole e dunque comodo intervento di Cardelli. Intanto ultimo cambio per il Cuneo: esce Pecorini, entra Jallow.

29'st Caso tenta il destro dal limite dell'area, Albertoni si distende ma il pallone è comunque troppo largo rispetto allo specchio della porta.

25'st Doppio cambio per l'Albissola: fuori Raja e Russo dentro Bezziccheri e Silenzi.

24'st Break di Cisco che sfonda sulla destra, ci pensa Cardelli a fermarlo respingendo la conclusione del numero 21 biancoceleste.

22'st Scintille Albertoni-Defendi: il portiere a muso duro sull'attaccante avversario che lo stava esortando a rialzarsi dopo una presa alta conclusa con un tuffo a terra. Il direttore di gara non ravvisa alcuna irregolarità e si prosegue.

21'st Defendi di potenza da buonissima posizione, pallone sopra la traversa.

20'st Nuovamente Emmausso al tiro, la mira è però completamente sballata.

18'st Alza la pressione la squadra di casa: l'Albissola stringe i denti e ribatte colpo su colpo.

12'st Tre sostituzioni per il Cuneo: dentro Caso, Celia e Arras, fuori Kanis, Said e Marin.

11'st Conclusione da fuori area di Emmausso, pallone alto sopra la traversa.

10''st Cambio nell'Albissola: lascia il campo Riccardo Martignago, dentro Andrea Cisco. Un problema fisico del numero 10, probabilmente, alla base della sostituzione operata da Rino Lavezzini.

4'st Colpo di testa di Defendi, sfera sul fondo: inizio di ripresa con il piede sull'acceleratore per la compagine di mister Scazzola.

1'st Inizia il secondo tempo, novità di formazione nel Cuneo: fuori Gissi, dentro Emmausso.

 

45'+1 Termina qui la prima frazione. Albissola avanti 1-0 sul campo del Cuneo, fin qui decide il gol messo a segno da Martignago dopo appena nove minuti.

45' Un minuto di recupero prima dell'intervallo.

44' Occasione per Said che prova a soprendere Albertoni da posizione defilata, il portiere dell'Albissola respinge con i piedi.

43' Rientra in campo Moretti, il centrocampista originario di Genova non sembra aver riportato particolari problemi.

40' Problemi per Moretti, rimasto a terra dopo un contrasto: il numero 4 di mister Lavezzini deve ricorrere alle cure dello staff medico dei ceramisti.

35' Grande equilibrio in questo momento della sfida, Albissola che copre con ordine il campo.

29' Raja ci prova dalla distanza, pallone alto.

25' Gissi ad un passo dall'1-1! Il numero 40 del Cuneo conclude incrociando con il mancino dal limite dell'area, Albertoni immobile osserva la sfera uscire di poco alla sua sinistra. Brivido per l'Albissola.

23' Punizione da circa 30 metri per l'Albissola: Moretti non riesce a ripetere la prodezza di sabato scorso, pallone respinto dalla difesa piemontese.

14' Cuneo vicinissimo al pareggio: sugli sviluppi di un corner, Pecorini colpisce di testa indisturbato sul secondo palo non trovando lo specchio della porta. Un gol quasi più facile da segnare che da sbagliare.

9' GOL DELL'ALBISSOLA! Raja serve Martignago con un meraviglioso pallone in profondità, il numero 10 da posizione defilata si inventa una rete splendida beffando prima Santacroce con un tunnel e poi Cardelli con una traiettoria quasi impossibile. Quattordicesimo centro in campionato per l'attaccante veneto.

4' Cuneo pericoloso con Defendi che raccoglie uno corta respinta della difesa ospite e batte a rete: pallone sul fondo dopo la deviazione involontaria di un altro giocatore biancorosso.

1' Inizia il match a Cuneo: locali in completo rosso con inserti bianchi, ospiti in tenuta bianca con banda celeste. Il primo pallone della partita è della squadra di casa.

 

Buon pomeriggio dallo stadio "Paschiero" di Cuneo dove tra pochi istanti andrà in scena la sfida valida per la 36^ giornata del girone A di Serie C tra Cuneo e Albissola

Novanta minuti che possono valere una stagione: per i ceramisti infatti il match contro i cuneesi di Cristiano Scazzola può rappresentare la grande chance per blindare la salvezza diretta.

Vincendo, i ragazzi di Rino Lavezzini manderebbero aritmeticamente i piemontesi (attualmente a -2 dai liguri ma con due punti di penalizzazione in arrivo per inadempienze Co.Vi.Soc) ai playout e anche un pareggio (con ancora due gare da disputare) potrebbe non essere considerato un brutto risultato.

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                   Gozzano –Juventus U23

 

Gozzano (3-5-2): Casadei; Manè, Guitto, Emiliano, Romeo (46′ Bruzzaniti), Messias, Palazzolo (88′ Bruschi), Graziano (67′ Secondo), Rizzo (46′ Tumminelli), Libertazzi (15′ Rolfini), Mangraviti. A disp. Viola, Gigli, Salvestroni, Acunzo, Tordini, Gemelli, Grossi. All. Soda.

Juventus U23 (4-2-4): Del Favero (89′ Busti); Del Prete, Coccolo, Alcibiade, Beruatto (46′ Masciangelo); Toure, Kastanos; Pereira, Pozzebon (86′ Monzialo), Bunino (79′ Muratore), Zanimacchia (89′ Frederiksen). A disp. Nocchi, Morelli, Boloca, Di Francesco, Morrone, Pereira Serrao, Markovic. All. Zironelli.

Arbitro: Collu di Cagliari

Ammonito: 42′ Pozzebon, 69′ Masciangelo, 72′ Alcibiade, 76′ Coccolo

 

 

 

 

 

 

 

In seguito al nuovo regolamento sul minutaggio giovani della stagione 2019/2020 Emanuele Paolucci, Segretario generale della Lega Pro, ha fatto alcune precisazioni per chiarire alcuni punti molto importanti.

“Una delle novità sostanziali del regolamento è l’introduzione della ‘Lista calciatori temporanei’. In tale lista, come specificato all’art. 1.2 ‘potranno essere inseriti sino ad un massimo complessivo di n. 6 calciatori il cui tesseramento sia a titolo di cessione o trasferimento temporaneo da società di Serie A e B’. Potranno quindi essere inseriti in lista i calciatori in ‘prestito’ da società di Serie A o B, giovani di serie (trasferimento temporaneo) o professionisti (cessione temporanea).  La ‘Lista calciatori temporanei’ riguarda pertanto esclusivamente i calciatori (giovani di serie o professionisti) in “prestito” da società di Serie A o B”.

Altro aspetto fondamentale del nuovo regolamento è quello che riguarda l’utilizzo dei calciatori in lista. Il Segretario Paolucci ricorda che “L’art. 4.6 prevede che ferma restando la possibilità di utilizzare, anche contemporaneamente, in ogni gara tutti i calciatori inseriti nella ‘lista calciatori temporanei’, ai fini del calcolo del ‘minutaggio’ possono rientrare nel relativo computo anche le prestazioni sportive rese dagli stessi fino ad un massimo di n. 4 calciatori per ogni gara, a condizione che siano inseriti nella Lista di cui all’art. 1.1, che siano in possesso dei requisiti anagrafici…”. Tutti i calciatori in ‘prestito’, inseriti nella ‘lista calciatori temporanei’,  potranno essere quindi utilizzati anche contemporaneamente in ogni gara, ma soltanto quattro di questi potranno ‘fare minutaggio’. Come precisato nel regolamento, ‘il risultato dei minuti giocati (min 270, max 450) verrà ponderato prendendo in considerazione i calciatori per i quali possano essere applicati i coefficienti previsti agli artt. 4.3, 4.4 e 4.5 più favorevoli per la società’”.

 

 

 

 

 

 NAZIONALE UNIVERSITARIA

VERSO LE UNIVERSIADI DI NAPOLI. ARRIGONI CONVOCA 23 GIOCATORI PER IL RADUNO DI NOVARELLO

 

Prosegue la preparazione in vista della manifestazione di luglio: il terzo e ultimo stage si terrà il 14 e 15 maggio

Roma, 17 aprile 2019 - Mancano poco più di 2 mesi all’inizio dell’Universiade di Napoli, in programma dal 2 al 14 luglio, e il Ct Arrigoni ha diramato le convocazioni della Nazionale Universitaria per il secondo dei tre stage previsti che si terrà il 23 e il 24 aprile presso il Centro Sportivo Novarello a Novara.

L’ultimo avrà luogo il 14 e 15 maggio sempre al Centro Sportivo Novarello: poi inizierà il conto alla rovescia per conoscere le convocazioni definitive del Ct. L’Italia ha conquistato 2 medaglie d’oro e 5 medaglie d’argento alle Universiadi.

 

L’elenco dei convocati:

Portieri: Gianluca Marcantognini (Fermana), Daniele Lazzari (Salernitana)

 

Difensori: Filippo Florio (Pordenone), Davide Vitturini (Fano), Leonardo Longo (Bisceglie), Filippo Berra (Pro Vercelli), Riccardo Gatti (Monopoli), Mario Mercadante (Monopoli), Federico Giraudo (Ternana), Cesare Pogliano (Reggina), Andrea Bondioli (Santarcangelo)

 

Centrocampisti: Roberto Grieco (Fermana), Luca Magnino (Feralpisalò), Loris Zonta (L.R. Vicenza), Riccardo Collodel (Vibonese), Filippo Serena (Pontedera), Giovanni Sbrissa (Robur Siena), Andrea Bragadin (Scandicci)

 

Attaccanti: Giuseppe Ungaro (Reggina), Alessandro Galeandro (Albinoleffe), Filippo Strada (Adrense), Ettore Gliozzi (Robur Siena), Danilo Ruzzittu (Arzachena)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sud Tirol -  Danilo Pasqualoni, difensore del Sudtirol, al magazine ufficiale biancorosso ha ricordato la difficilissima prima parte di stagione alla Pro Piacenza: "Qui sto vivendo il mio riscatto personale. Ma non solo dal punto di vista squisitamente sportivo. Perché ho anzitutto ritrovato fiducia in questo mondo. Quello del calcio, per intenderci. Una fiducia che avevo perso dopo i sei mesi traumatici alla Pro Piacenza, sei mesi nei quali ho vissuto tante amarezze. Anzitutto come uomo. Perché è mancato il rispetto, ci è stata tolta la dignità, di noi non si è occupato né preoccupato nessuno. AL Sudtirol ho riscoperto il piacere di giocare per una società seria, fatta di persone serie, che chiedono rispetto ma sono le prime a darlo. Sono contento che la Lega si sia mossa concretamente nelle ultime settimane, inserendo nuove regole che dovrebbero permettere di evitare il riproporsi di casi tristi come quello della Pro Piacenza".

S.D.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vis Pesaro - Dopo la vittoria nel derby contro il Fano firmata Mattia Gennari, Vlado Borozan, direttore generale della Vis Pesaro, è tornato in conferenza stampa sull'importante risultato: “Il bambino che c’è in noi ha toccato il cielo con un dito. Non potevamo pensare una giornata migliore. La squadra è stata unita, ha onorato la maglia. Abbiamo ottenuto una vittoria - sono state le sue parole raccolte dai colleghi di SoloVisPesaro.it che mancava da vent’anni. Vivere il triplice fischio e quell’apoteosi sembrava come se si fosse vinta una coppa. I ragazzi hanno sofferto per mesi, i tifosi per anni. C’è tanta felicità per aver scritto il proprio nome su una delle pagine più belle di questa società. Valeva la pena farne parte anche solo per un secondo. Ora deve nascere la positività per portare a fare qualcosa che qui mai nessuno è riuscito a fare. Auguro al Fano di salvarsi perché voglio il derby anche nella prossima stagione. Vincere questo derby ha un valore pazzesco”.

V.D.

 

 

 

 

 

 

 

 

Rieti - Fabio Maistro, fantasista del Rieti, intervistato da sarannofamosicalcio.com, è tornato sul pari col Rende: "Una gara molto combattuta, sofferta. Loro picchiavano, ma abbiamo picchiato anche noi, perché ci dobbiamo salvare. E’ comunque un punto molto importante per il nostro obiettivo. Ora dobbiamo completare l’opera. Sabato saremo di scena a Bisceglie, senza giri di parole è la gara della vita per noi. Ci basta un punto per festeggiare l’ambito traguardo della salvezza, dobbiamo solo scendere in campo con il coltello tra i denti".

"Capuano? Quando c’è da lottare, lui è sempre in prima linea. E’ un motivatore, sa tirare il meglio da ognuno, anche dai più giovani, è bravo a usare il bastone e la carota. Spesso si parla solo dell’aspetto psicologico, anche per il personaggio che si è creato. Ma una fase difensiva come la sua non l’avevo mai vista prima, è un maestro. Un tecnico preparatissimo, che cura ogni minimo particolare e che conosce alla perfezione gli avversari che affrontiamo".

D.L.C.

 

 

 

 

 

 

 

 

Verona - Dopo otto risultati utili di fila, domenica scorsa la Virtusvecomp Verona è caduta in casa contro il Ravenna: "Nel primo tempo abbiamo fatto meno bene del solito - ha spiegato in sala stampa mister Luigi Fresco - mentre nel secondo tempo abbiamo fatto tanto, sbagliando 4-5 gol forse per limiti forse per stanchezza. Forse potevamo stare più coperti e accontentarci del pareggio. Quanto meno la prestazione c'è stata e poi l'unica consolazione è che tutte lì in fondo hanno perso e quindi i giochi sono ancora aperti". A dimostrazione che il B è un girone veramente strano: "Lo abbiamo detto mille volte. Ora a Fano troveremo una squadra con addosso una grossa pressione".

V.D.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica la Sambenedettese è tornata a vincere dopo 7 giornate di magra, imponendosi con un netto 3-0 sull'AlbinoLeffe, acquisendo la salvezza aritmetica (che in un certo momento della stagione non appariva così certa) e con la prospettiva di poter migliorare il proprio posizionamento playoff: "Lo speriamo - ha spiegato in conferenza stampa il centrocampista Ludovico Rocchi è quello che volevamo, ci siamo impegnati per ottenerlo ed ora ci impegneremo ancora di più per poi vedere cosa succederà alla fine. I tifosi mi vorrebbero sempre titolare? Ovviamente leggo i social e mi fa piacere, non mi aspettavo un impatto così, ne sono contentissimo". Il giovane torna anche sul periodo difficile vissuto dai rossoblù: "A Trieste abbiamo vissuto una batosta più mentale che fisica, dopo quella gara siamo stati bravi a ricompattarci e a pensare solo al campo, facendo prima la prestazione per poi cercare il risultato. Ora sta andando bene e sono arrivati entrambi".

V.D.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Monza - Un eurogol a sigillare il raddoppio contro il Rimini e un assist per il 3-0 di Brighenti. Si può riassumere così l'ottima prestazione offerta domenica scorsa da Tommaso Ceccarelli, esterno offensivo del Monza. E di lui in sala stampa ha parlato approfonditamente proprio il tecnico biancorosso Cristian Brocchi: "La gestione di Ceccarelli da gennaio a oggi lo sta portando a giocare ad alti livelli. Sia quando entra sia quando è titolare. Prima, quando giocava sempre dall'inizio, non aveva il rendimento che ha adesso. Perché? Per una questione tattica a volte, di condizione altre. A gennaio ce lo hanno chiesto in tanti e avremmo potuto darlo via, ma se è rimasto è perché c'è grande fiducia da parte nostra in lui. E lo dimostrano le partite che ha giocato sia dall'inizio sia da subentrato".

V.D.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francavilla - Denny Gigliotti, centrocampista della Virtus Francavilla, al Corriere dello Sport ha commentato il successo sul Catania: "È giusto festeggiare, spesso siamo stati noi a dover mandare giù bocconi amari nei minuti finali. Abbiamo vinto all'ultimo respiro meritatamente, con il cuore. Stiamo dimostrando settimana dopo settimana che la Virtus c'è. Ho scelto questa piazza per conquistare i playoff. Ora siamo molto vicini al raggiungimento del nostro obiettivo".

S.D.

 

 

 

 

 

 

 

Casertana - Consueto bollettino medico da parte della Casertana dopo la sfida col Siracusa. Tra i falchetti si rivede col gruppo Pinna, i cui carichi di lavoro aumenteranno gradualmente nel corso della settimana. Lavoro differenziato per Romano. A riposo Meola, per una botta alla caviglia rimediata nello scontro di gioco che ha portato all'espulsione di Ott Vale, e Mancino: le condizioni dei due calciatori saranno monitorate nei prossimi giorni. Lavoro in piscina per Floro Flores.

S.D.

 

 

 

 

 

 

 

Fermana - E' tornata ad allenarsi oggi la Fermana, dopo la lunga trasferta di Trieste in cui è caduta per 3-0 al Nereo Rocco. Proprio dell'ultima giornata giocata, il tecnico gialloblu, mister Flavio Destro, alla ripresa del lavoro settimanale, è voluto tornare a parlare ed ha commentato: "C'è poco da dire sul risultato, quando una squadra si dimostra più forte, poi succede che in campo questo si manifesti con una partita come quella. Abbiamo fatto due errori subendo il 2-0 e poi non è stato facile rimetterla in piedi. A volte bisogna anche riconoscere i meriti dell'avversario. Comunque - ha continuato interrogato a riguardo, come riportato dall'ufficio stampa gialloblù - è stata una prestazione neanche lontanamente paragonabile a quella giocata a Fano, in cui siamo usciti sconfitti a causa di molti nostri demeriti. Con la Triestina, naturalmente ci sono delle cose che avemmo potuto e dovuto fare meglio. Siamo stati troppo lenti nel giropalla in cui loro sono stati particolarmente bravi, ad esempio. La volontà di fare un certo tipo di partita c'era, ma quando un avversario vince i duelli in ogni zona del campo e si dimostra forte al punto di non permetterti di fare quel che si è preparato, va riconosciuto e basta".

V.D.

 

 

 

 

 

 

Tegola in casa Rimini. L’esterno biancorosso Gianmarco Pierfederici, infortunatosi la scorsa settimana in allenamento, è stato sottoposto agli opportuni accertamenti. Gli esami strumentali hanno evidenziato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. L’atleta necessita di intervento che verrà effettuato nei prossimi giorni, dopodiché sarà possibile valutarne i tempi e le modalità di recupero.

S.D.

 

 

 

 Tutta la C "  -  Via Ugo Foscolo , 33 - 27058 Voghera - Pavia -

Copyright © 1999 Quotidiano Sportivo Tutta la C