Scrivi al Direttore                                                       

 

Aggiornamenti  sulle nostre pagine Facebook

 

 

   
L'Editoriale del giorno


           
          Le ultimissime    

 

 

L'Arezzo ha scelto Massimo Pavanel. Sarà lui a prendere il posto di Claudio Bellucci in panchina dopo l'esonero di questa mattina. Una decisione caldeggiata e sostenuta con forza dal direttore sportivo Roberto Gemmi, che di Pavanel ha grande stima fin dai tempi in cui hanno lavorato insieme a Verona.

Con l'Hellas il neo tecnico amaranto ha vissuto cinque anni di grandi soddisfazioni e risultati, guidando prima gli Allievi e poi per un quadriennio la Primavera, con cui ha raggiunto la finale del torneo di Viareggio (poi persa contro l'Inter nel 2015) e i play-off del campionato pochi mesi fa, traguardo mai centrato dai gialloblù. La crescita dei ragazzi alle sue dipendenze e la professionalità dimostrata gli avevano cucito addosso l'etichetta di mago del vivaio.

 

Cinquant'anni a dicembre, originario di Portogruaro, Pavanel ha lasciato il Verona in estate, nonostante il contratto in essere, perché intenzionato a misurarsi con il calcio dei grandi. L'Arezzo lo aveva corteggiato già nel 2016, ma il tecnico scelse di restare per un altro campionato in gialloblù e portare a termine il progetto tecnico avviato in precedenza.

Stavolta è diverso. Pavanel ha detto stop alla prima parte della sua carriera e si è rimesso in gioco. A giugno aveva avuto contatti con la Triestina (che poi ha optato per Sannino), con il Padova, con il SudTirol e con la Pro Vercelli, oltre che con l'Arezzo. Sulla panchina amaranto ci arriva adesso, in una situazione tecnica e ambientale non proprio idilliaca, con una rosa da rimettere in carreggiata e una tifoseria delusa dai risultati oltre che sfiduciata dagli ultimi eventi.

 

Anche lui, come Bellucci, è un esordiente in serie C. La differenza è che Pavanel qualche prima squadra l'ha già guidata, anche se nei dilettanti: prrima di cimentarsi con i settori giovanili a Trieste e Verona, ha diretto Sanvitese, Itala San Marco Gradisca e Pordenone in serie D, oltre al Monfalcone in Eccellenza. Chi lo conosce bene, lo descrive come un tecnico di personalità, dal carattere forte e che tatticamente predilige il 4-3-3 con la variante del 4-3-1-2.

E' chiaro che la serie C è molto diversa. Che subentrare presenta sempre dei rischi. Che il contesto amaranto, in questo momento, non è semplice da gestire. E che Pavanel dovrà convivere, almeno inizialmente, con una certa dose di scetticismo. Gemmi però non ha avuto dubbi e la prima scelta, fin da subito, è stata Pavanel. Il direttore sportivo ha così messo un timbro forte sulla gestione tecnica di quest'annata. I risultati diranno se il percorso imboccato è quello giusto.

Pavanel è il il quinto allenatore amaranto dopo il ripescaggio nei prof. Prima di lui Capuano, Bucaro, Sottili e Bellucci

 

  Andrea Avato

 

 

 

 

 Arezzo, mister Pavanel

 

Risultati-classifiche-marcatori C1/ A

 

Risultati-classifiche-marcatori C1/ B

Risultati-classifiche-marcatori C1/ C

Calciomercato C1/ A  

Calciomercato  C1/ B

Calciomercato C1/ C

Le rose della C/1 A

Le rose della C/1 B

Le rose della C/1 C

 

 

 

Risultati e statistiche di Coppa Italia

Tifosi del Bisceglie

Le designazioni arbitrali

 

Gli squalificati 

 

Lavora con noi

  

Risultati Calcio

 

 Le ultimissime....

 

 

Le cronache delle partite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Tutta la C "  -  Via Ugo Foscolo , 33 - 27058 Voghera - Pavia -

Copyright © 1999 Quotidiano Sportivo Tutta la C

 

Autorizzazione del Tribunale di Voghera N°.140  Del 30-12-1999
Ufficio legale Avv. Marcello Bergonzi Perrone
Via Matteotti n. 63
27058 - Voghera (PV)
marcello.perrone@libero.it